Non guardo giu

E adesso sto qui…

Vorrei tanto scrivere e invece no…
É una mia guerra, forse la piu dura che mai avrei voluta. Combatto contro chi?
Da settimane legato ad un letto senza guardare giu…
La mia gamba é diventato un peso morto ed io ero tanto tanto bravo a fare il Taekwando. Correvo chilometri, nuotavo, guidavo macchine veloci e amo tanto tanto le moto….
Ora non guardo giu…
Blocco i miei stessi pensieri, mi vieto i miei emozioni. Non voglio niente aparte il respiro. Profondo.
Per spiegare, boh…
Una passeggiata con il mio amatissimo cane…
Un branco di cani in distanza, di qui uno parte… E parte veloce…
40metri gli ha fatto in neanche 3 secondi.
La mia con la museruola, come lo vuole la legge….
E visto che di casini ne ho fatti tanti tanti tanti, rispetavo ormai anche questa…
Mi metto davanti al mio cane…
Il randagio ovviamente razza da combattimento, con tutta velocita e forza salta, lo prendo al volo. L’impatto mi butta a terra e cado con la schiena contro l’angolo del marciapiede…
Boom. Parte il mio cane e mi toglie questo mostro di dosso.
Riesco ad alzarmi, piu o meno. In ospedale di urgenza. 6 ore di intervento.
La mia gamba destra… Mi sembra morta…
Non la sento, non torna…
Non guardo giu….
Vorrei scrivere non so… Delle favole per bambini ma no…
Vorrei scrivere ma proprio no…
Respiro profondo….
Non guardo giu…
Siamo rimasti vivi…
Tutto qua…
Magari, fra qualche mese, anche se i medici dicono che resterò ricoverato da 2 a sei mesi… Pffff, booh….
Anni fa mi volevano chiudere per sei a vent anni…. Altri mi vogliono morto…
E io, continuo con il mio respiro. Profondo.
Mi basta!
Ma non guardo giu…

Vincenzo Dei Leoni

Passano gli anni 

11 anni gia e ancora parlo con te… Ancora ti vedo in macchina seduto accanto a me. 

Sento la tua risata, ti vedo in mezzo alla gente. 

Ci vedo girare e fare i deficenti. 

Ogni volta che ti penso, 

ti piango … 

My little brother, 

i miss you so much. 

11 anni fa e ancora parlo con te. 

Alzo lo sguardo verso il cielo e mi chiedo, „Ma tu ci vedi? Ma tu mi senti? Le senti le cose che ti racconto? Le senti le cose che ti scrivo? Senti i miei pensieri se ti chiamo per nome?“ … 

Oggi son passati più di undici anni da quel tuo ultimo messaggio „Sono arrivato fratello“ … 

E da undici anni mi chiedo, perche sei andato… 

Mi manchi cosi tanto. 

Rest in peace my little brother. 

Continuo a parlarti per il resto della mia vita. Anche se … 

Non t’avro mai piu accanto. 

Mai piu di fronte. 

Mai piu sentiro la tua risata, o il tuo grido di battaglia… 

Tutti i tuoi consigli, 

di qui non ne valeva uno. 

Scherzo ovviamente. 

Sei il nostro fratellino piccolo. 

Mi manca si, anche a prenderti in giro… 

11 anni … 

E ancora m’incazzo … 

Undici anni e ancora ti piango. 

Undici anni e ancora ti parlo, come se … 

Come se m’ascolti … 

Come se ci sei, in qualche parte del mondo … 
Vincenzo Dei Leoni