Hai superato le mie mura

Hai superato le mie mura … sembra l`inizio di una canzone, una Favola d`amore, scritta da una principessa, in un castello lontano, su una montagna, circondato da foresta oscura, nera e pericolosa … Le mura altissime, cannoni e draghi giganti che sputano fuoco, mangiano persone … la difesa migliore … impossibile avvicinarsi … è tutto questo, per proteggere la cosa più bella … l`unica cosa, che illumina questa foresta …
Un principe, figlio di un Re, buon uomo e famoso, conosciuto da tutti … un Guerriero su un cavallo bianco … accompagnato di un’armata di cinquanta divisioni, soldati, tutti figli di qualcuno … Tutti la desiderano, vogliono questa principessa, ma solo il Principe la può avere …
È tutti in questa foresta oscura, pericolosa, in cerca del castello, l`entrata, sperando di trovare la principessa, la Donna più bella, la luce del cuore … la difesa è il problema, la foresta, l`oscurità, la mente e la paura … il principe, Guerriero di Casa, Paura non l´ha mai vista, non la conosce, non gli é mai stata presentata, neanche spiegata … come la principessa, nessuna la conosce, per lui legenda …
i soldati, le divisioni, tutti uccisi, bruciati dai fuochi, mangiati dai draghi, sparati dai cannoni, il principe scappato, la paura lo segue, lo caccia e lo trova, lo prende, ogni notte passano insieme … non dorme più bene … è la foresta, il castello, la principessa che vede … la paura si é portato a casa da questa foresta oscura, nera, la Paura è la sua nuova compagnia … adesso solo con lei passa la sua vita …
è la principessa? Perde il tempo a pensare al l`amore, che arriva qualcuno che la fa uscire da questo castello ghiacciato, si fa pensieri su cose che non conosce … s’immagina di amare, senza saper come fare … in attesa di amore per riempire il cuore, di riempire il vuote che sente nel suo cuore … almeno che cada la neve, già che fa freddo … almeno cambia colore, di ciò che vede ogni giorno … sempre sola, segregata … sola con la speranza … in attesa di qualcuno, che realmente non conosce … sa che esiste, spera che viene, spera che resta, che li fa vedere il colore … il mondo che vede da la piccola finestra, sempre oscuro, sempre nero, anche di Giugno, spera che almeno cade la neve …
Purtroppo da questa foresta, non passa anima buona … Passeggiando sta uno, con la mente fredda, ghiacciata, più oscura della foresta … dove passa lui, si congela tutto, cade la neve, anche di Giugno … sembra che la porti con se, sembra ghiacciato, ma che lui è caldo, è il suo segreto … non è un principe, suo padre non è Re … Non é nessuno … Sta sempre in viaggio, come si usava in quei tempi, anche lui con il suo cavallo … nero … alto … quindi un cavaliere, senza armata, senza soldati, senza compagnia, ma sempre armato … con un cavallo, nero … come la sua mente, senza colore, senza gran sentimento …
si avvicina al castello, lo vede per la prima volta, strana questa luce che arriva da quella piccola finestra, illumina tutto, manda troppo calore … una luce che sembra il Sole in mezzo a questa foresta, è troppo curioso, vuole vedere … un bianco luminoso, acceso, da troppo tempo che vedeva il nero … la foresta, i cannoni, i draghi, tutte le mura e gli ostacoli, senza problemi, senza pensieri gli ha superati … passa tranquillo, sale la torre e trova una cosa, che non si aspetta …
Deve essere una principessa, una Donna cosi bella, una Donna vera, una Donna che si merita soltanto tutto il bene di questo mondo, una che merita tutti colori di questo pianeta … anche lui la desidera, la vuole, a prima vista s’innamora, sapendo che non va, perche non ha colore … lei dice: “Sei entrato qui, hai superato le mie mura, sei tu quello che desidero? Sei tu quello che aspetto, che mi fa vedere il colore?” … “Vorrei tanto esserlo, ma non posso … Volevo soltanto vedere cosa è questa luce, perche anche a me piace il colore, e come uno scemo, mi sono avvicinato … Non ti posso portare con me, il mondo mio è nero, non vedo colore, non lo posso neanche cercare, anche che mi piace vederlo, adesso lo devo evitare … Mi dispiace, ma ti devo lasciare, scusa, che sono entrato, che mi sono avvicinato” …
Sparisce silenzioso, si porta soltanto un brutto ricordo da questo castello, non la paura, ma un` altro dolore nel cuore … tutti due restano soltanto con la speranza, che qualche giorno passa un principe da questa principessa, e la porta via, che gli fa vedere il colore, tutte le cose belle di questo pianeta, che la fa sorridere, ogni giorno … senza sapere, che già è passato, che il principe, ormai si ha sposato …

Vincenzo Dei Leoni

Advertisements

Kommentar verfassen

Trage deine Daten unten ein oder klicke ein Icon um dich einzuloggen:

WordPress.com-Logo

Du kommentierst mit Deinem WordPress.com-Konto. Abmelden / Ändern )

Twitter-Bild

Du kommentierst mit Deinem Twitter-Konto. Abmelden / Ändern )

Facebook-Foto

Du kommentierst mit Deinem Facebook-Konto. Abmelden / Ändern )

Google+ Foto

Du kommentierst mit Deinem Google+-Konto. Abmelden / Ändern )

Verbinde mit %s