A occhi chiusi

Preparo le mie valigie,

e non so dove vado …

A occhi chiusi,

inizio un altro percorso …

Un altro stile,

Un po’ più di vita,

La vita, la vita,

e io sto morendo …

Voglio il mio posto,

Im mio sogno,

Voglio scrivere …

La casa mia,

resta qui,

Il trullo,

la Lamia,

Tre metri di pietre

E chi sa da quanto stanno qui …

E io girando,

A occhi chiusi,

crollando,

cado da qui …

Cado da li

E cado dà la …

Fai il bravo,

promettimelo …

Si mamma lo faccio,

Te lo prometto …

A occhi chiusi …

Perché non vai di nuovo in Sardegna?

Si, perché no …

Non so cosa ci faccio,

non è quel che voglio,

Ci vado lo stesso,

è bellissimo il posto …

A occhi chiusi,

mi immagino già l’a spiaggia,

il mare,

sott’acqua,

incredibile il mondo che trovi là sotto …

La Sardegna si,

per scrivere un bel posto …

A occhi chiusi,

mi sposto …

E sempre e sempre

È l’unico desiderio che ho,

scrivere, scrivere, scrivere,

solo un altro po’ …

Dove non importa,

intanto di nascosto lo faccio lo stesso …

Sono un fantasma

E quello che scrivo qui

Non è niente …

Solo la cenere della carta che brucio,

a il peso di tre stelle …

Non conto i fogli

Li peso in kili

Trasformato in cenere

E dato ai fiori …

Una lettera d’amore

A occhi chiusi

la scrivo …

 

Vincenzo Dei Leoni

Gentleman

Attention, ugly words …
Perhaps, wait, for sure!
Adults only …
Start …
My phone rings
„Hey, are you at home?“
„Yes baby, waiting for you!“
I turn off the phone,
without saying a word.
Take the key for the car and start …
One-eighty throw the city,
on the other side.
„Don’t be gentle!“
I told to my self …
„Don’t be a gentleman!“
I repeat it again …
Arrived …
She’s just waiting at the door,
watch me parking
and getting out of the car.
„I hear your car!“ She sad, „like everybody else i think.“ …
My answer, „You want to talk about cars?“
Walking straight to her.
„No! No i mean“
And i start to kiss her during she talks …
„Let’s go in or i fuck you now on the car …“
I said and i mean it for real,
This girl is hot, i mean hot hot hot …
But, but …
Only for one thing,
there’s a reason,
for this treating …
„Ok, let’s go in!“
She said …
We just closed the door
and starts.
Pushing her at the the door,
kissing, having her legs just around …
In my hands, this fantastic ass …
First round, starts …
I think …
„Wait, wait!“
She said, what the fuck wait?
We didn’t start …
„What wait? Waiting for what?“
„I, i have my“
„Noo! No, you are kidding!“
„I try to advise you at the phone but you closed the call!“
„What? What the fuck you called me? For talking? You have invited some friends? Making cupcakes?“
She’s silent, sad …
I feel like an asshole, i know …
‚Don’t be gentle!‘ I think …
Repeating this, again …
„I go!“
Without saying a word i go
out of the door.
A fast going out because
we stayed all the time on the other side of the door …
I hear she start to cry …
I wait 10 seconds and then
I looked at my car …
Put the engine on
And starts …
Thoughts off,
because now, now i have to drive fast! … … …

Vincenzo Dei Leoni

Equal

Everyone, me, you and yes,
You too …
Everyone is equal,
talking about love,
talking about friends,
talking about war …
No one likes, everybody does …
Someone with the gun,
Someone with the hands …
Someone for love that in someway ends …
Someone for a love,
that he will never reach …
Fighting with his fists,
try to survive …
The most of us,
Need somebody on his side.
Someone, stay alone till he dies …
Everyone, is equal like someone …
No one
Is original or unique …
No one, is better with a rolex …
No one, is better with nothing …
Think … Think …
Equal, or not …
Substitutable, someone …
No one, no one!
Racist, i don’t know …
Someone who loves someone,
Or something,
But why you so stupid?
You don’t see?
Equal, you and me …
Only Girls,
They are different …
And if you hate them,
Then you are really really stupid!
Equal, i mean men …
Women’s? They are all different,
even from each other …
I don’t know what they think …
My head explodes if i try …
There must be an absolutely chaos in their brain,
but they managed it,
and it’s working …
We are like dogs,
If they want that …
Strong, strong …
Bullshit …
Love …
Equal …
For all …
Everybody, ohh love …
Your touching, your voice is like music, One soul,
destiny, and for the rest of my life …
Everybody, everybody lies …
Equal, or not …

Vincenzo Dei Leoni

About words, about me

Nobody, i am!
Just writing, my things …
My writing, hmmmm …
Like sightseeing,
a city, a bridge …
You see all, but nothing …
Travelling in a shuttle, thru the city …
At night, in the dark, blindfolded eyes, darkness you see …
My writing, my life …
Nobody, that’s me …
Darkness, mystery,
Arrogant and relaxed,
The King of my self!
Don’t care about what you think,
It’s not talking, its‘ writing!
Don’t ask a book,
It’s biting …
Stupid words rollin …
Rollin, rollin …
Smoking? Yes!
Cigarettes?
Only for tuning …
Need to be calm,
Otherwise i kill someone …
Or two … Or three …
So i write,
Stupid things like this …
You need to smoke,
to know what i mean …
Smoke, to stay calm,
Relaxed, under the sun …
Like a Lion, but an old one …
Forty degrease, africa …
Lying under the tree
and know, I am King …
Still a Lion,
Even if laying,
Stoned, under the tree …
Even the Lion,
It’s part of my name …
Words … Writing …

Words, just written …
Strange things …
Rollin … Rollin …

Vincenzo Dei Leoni

Smoke, thinking

Stop breathing!
Inhale, smoking …
Stop! Waiting …
Once more, smoking …
Inhale … Breathing …
Waiting … Waiting …
Writing … Waiting …
Thoughts … Forgetting …
Realizing … Nothing …
Everything, breathing …
Everyone, thinking …
Ok … The most of us, thinking …
Someone, only breathing …
Without thinking …
Without reading …
And it’s all right …
He’s living …
He’s blind, but still breathing …
He’s happy, he didn’t see something …
No thoughts about bad world …
No thoughts about freaks …
Everyone, lives for him …
He comes, he’s king …
Hello! Your wrong!
My town, my city!
I’m king! You are like billy,
The dog how‘ fucking the leg of miss piggy …
Wake up! Wake up!
Or go home,
Where you are king
And you can fuck your dog
and do what you want!
Here! Smoke!
Get your feet’s
at the ground!
Take a seat,
Let’s talk …
I just see you,
And i know …
Your parents are sisters, i’m right? …
Ok, let’s go on …
Here’s the contract,
Now you’r my own …
„What?“ …
No what!
Signature please, even with blood! …
„But, but … “
It’s written, read!
Between point seven
And thirty eight …
Relax! Smoke!
Stop breathing …
And read …

Vincenzo Dei Leoni

At the night

Im not sleeping,

like the most …

I didn’t read something,

Like the most …

Im writing,

Like some of us …

Just writing,

To get some peace …

Like always,

Since I was six …

I write,

And you read.

Loosing time,

I repeat …

Nothing special,

Just me …

In my bed,

With the pc …

Its faster,

Writing with this …

If I write on paper,

I cant resist …

I burn it down,

Like always …

Zippo, classic …

Cancel, Eliminated,

Get out, burning down …

The flames, eat everything,

Even my words …

Even thousands,

Every page …

And im writing,

For free …

Like always,

For me …

Like going,

But still here …

Escape, from nothing …

Escape, from me …

Like always,

Black sheep …

They didn’t know,

Im free …

They didn’t know,

If im the sheep,

I kill the dog,

And then I scream,

“Run, we are free!”

Everybody runs,

And im still here …

Counting the sheeps,

Passing by next to me …

331, 332 …

333, 334 …

Maybe I get some sleep,

With all this sheeps …

Sheeps, sheeps and sheeps …

But I don’t want,

I don’t want to sleep …

I need action …

I go hunting, perhaps a few sheeps …

I go hunting, perhaps killing me …

Perhaps with one shot,

I got some sleep …

Vincenzo Dei Leoni

And now you write again

Like one night, one night, chillin with friends,

Laying on the beach, the suns goes already down.

Fire in the middle, smoking, joints …

Guitar, and watching the sky …

Watching the stars, I have you in my arms.

You looking up and I cant resist,

I kiss your neck, holding you strong.

You are mine, since the first day we watched us,

Now, forever mine …

That was my wish, during the falling stars …

Above us, around us, everything is falling.

Like the stars, falling slowly, falling fast …

The music stops, lets go to the bar …

Everybody want, we not …

Come on, come on, ok, lets go …

One cocktail, chillin at a bar,

On the beach, with my beautiful love

Second drink, you are too far,

I cant touch you, that’s what I want!

You look me, talking with your friend,

You didn’t talk, but she, you are looking straight to me.

You take your phone, she is talking, but you don’t care.

Somebody talks to me, but I don’t care …

I looking only you, with your dark hair,

Your movement, everything you do …

Together for years, and every day I enjoyed.

I know, everyday, I love you,

Like the first day …

My phone rings, sms.

`Lets go, I want you, now!´

I stand up, without saying a word,

Directly to you, and take your hand.

We go to the beach, again,

And the stars, are still falling,

Like us, flying …

Like the stars, and then falling …

Now you write again, but its over, its past …

A falling star, is going to die,

I`m, I am just dead …

You killed me,

Deciding we are stars …

Vincenzo Dei Leoni

Discrimination? Come on

I write, why not!

In English, sometimes!

Italiano? Why not?

German? Geht auch.

French? Come on …

Spanish? Un poco.

But normal, Italiano!

Scrivo, come penso!

Capita, in inglese,

capita, in tedesco,

cambio, mentre penso,

cambio, mentre scrivo.

Adesso! I try …

I try, to telling my life

I write, just to throw

Throw away, some stupid words

Throw away, some stupid things

Throw away, some black thoughts

I write here, just for me

Just for me, no one else

And I think `here, some trash for you …

Storys from a guy, that nobody knows

You are just loosing time,

During my words …

Sometimes, I only hurts

Writing about girls,

Writing about friends,

Writing about me,

And my hole fucking life …

Sometimes its nice,

Sometimes a damn hole

Sometimes someone cry

And sometimes someone scream

“Discrimination!”

And I say “Come on …”

Discrimination, you didn`t know!

You didn’t know,

And you will never do,

With who you are talking,

You never know …

Sometimes happens,

That people don’t speak your language,

Sometimes happens,

that you see black guys in germany

And sometimes happens,

that I make a video with your wife

and send a video per mail to them …

Damn, I only write!

Scrivo soltanto!

Non per te, che sei italiano!

Per chi mi legge,

E a chi non ha niente da fare …

I write,

Giusto per dire!

Giusto per scrivere …

Per me, no one else!

No else? No one else!

In inglese?

Sometimes.

Non lo capisci?

Cazzi tuoi!

Chiedi a google,

O leggi una enciclopedia …

Scrivo per donne?

Eeeehm what???

Non hai letto cosa ho scritto?

Scroll down …

Chiedi a google mister,

und halts maul …

Come se leggi un libro,

Don`t ask …

Su internet, why not …

Scritto,

è scritto!

Grazie,

thank you …

Vincenzo Dei Leoni

Ohhh old life

Nearly, bye bye

Nearly, the same

Nearly another life

Like always, alone

Skyline, Appartments

Cars and trading

Like a King,

But always alone.

One thing is changed,

Now im alone alone …

In the past,

There was always a girl

At my home …

Not in the apartments,

She stay at home …

She didn’t know,

She didn’t know.

From all this things,

She never know …

Old life, ohh old life …

Money, money, money,

Apartments, cars and partys,

But no girls, because I had one at home …

Im stupid, I know!

But now, yes now …

There is no one waiting,

No one to call …

No one to telling,

About my day, my working,

Or stupid people,

walking always straight to me

No one cares,

What you have done

No one cares,

If you are alone

Alone, yes alone!

My life, I love it …

Appartment, and cars …

Ladys, are welcome,

But not invited, to stay …

Asshole, yes asshole.

Perhaps that’s why

Im alone …

Like my old life,

Old life, old life …

Oohhhh old life …

Nearly the same,

But legal …

Legal? Legal?

More or less,

Nearly, not equal …

Vincenzo Dei Leoni

era il vento

Adesso,

ti fai sentire.

Adesso,

mi chiami.

Adesso,

ti manco …

Era il vento,

sei andata via.

Era il vento,

che volevo il tuo vestito,

come quel giorno,

in Sardegna.

Eri tu,

eri mia.

Il tuo vestito,

nel vento.

Questa foto,

è mia.

Questo ricordo,

sempre mio.

Tu,

un ricordo.

Tu,

non sei mia.

Tu,

non eri mai mia.

Io,

ignorante!

Io,

innamorato.

Io,

sono cambiato!

Bentley, Ferrari …

Come il sole,

in alto.

Tu,

in basso …

Fiesta, Panda …

Eri tu,

non avevi tempo.

Eri tu,

sei cambiata!

Eri tu,

mi hai lasciato.

Adesso,

mi chiami.

Adesso,

mi cerchi …

Adesso,

vaffanculo!

Adesso,

vai con il vento!

Adesso,

sono solo.

Adesso,

resto solo!

Adesso,

Non ho tempo.

Per correre dietro al vento,

non ho tempo!

Adesso,

vai con il vento!

Adesso,

vado contromano,

contro vento,

vado in alto!

Quindi adesso,

Vaffanculo!

Adesso,

ti saluto …

Vincenzo Dei Leoni

thatsme

Who is this guy

And why in english?

Just for fun, just for what? Just for Sun!

Just for Sun? But why? Why not?

Just to change, change of what?

Change the life? Or change the gun?

Too much questions, just to write,

Without saying nothing!

But who is this guy?

Nobody!

I just write, and telling storys!

For what? For fun!

For who? Nobody!

That’s me, i`m silent!

I´m what? Nobody!

Black soul, a gun …

A what? A sun!

Where is the sun?

In the middle of my heart!

And the gun?

The what? The gun!

Where is the gun?

You make too much questions,

Bang Bang Bang …

Vincenzo Dei Leoni

thatsme

Il mago con la chitarra

È un amico, uno un po’ strano …

Con la chitarra, è un mago

Ti incanta, resti senza parole …

Parlare non serve, ce la chitarra

E se la appoggia, e ci facciamo una canna

Silenzio, nessuno che parla …

Incantati dalla musica, con i pensieri volanti …

È un mago, un mago con la chitarra …

E poi ce il suo cane, Jazza …

Un Cane da Guerra, secondo me l`hanno fregato …

Jazza, con la musica, si calma …

Ma devi stare calmo, fumati na canna …

Jazza, vuole solo stare sul divano,

e che non li rompi il cazzo,

e non guardarla …

Io sono fortunato …

A me mi ha accettato, perche ha capito …

Neri, siamo in due …

la guerra nel sangue, ce l`ho anche io …

Relax è la parola santa,

Jazza, zitta, zitta, vieni sul divano,

veloce, caso mai si incazza,

il mago con la chitarra …

Jazza, per me è un angelo …

Jazza, anche tu poi mi manci …

Io me ne vado di qua,

per non so quanto …

Forse resto di la, forse torno

E il mago della musica?

Lui resta e suona …

Ce il cane di guerra che ha,

che con la musica si calma …

E a proposito guerra, ha anche la ragazza …

Scusa bella, se ti nomino qua,

ma qua vi ringrazio …

Per ogni volta che ci hai fatto ubriacare,

con un “leggero” Gin-Tonic …

Il Tonic non c`entra niente, come se chiami Batman …

Grazio Mago, con la tua chitarra,

Tu sei un grande!

Per ogni tua parola,

per ogni silenzio …

Per ogni canzone che potevo ascoltare,

a parte vino, droghe e donne …

No scherzo, bella stai calma …

Siamo bravi ragazzi,

come il cane da guerra …

Vedi come dorme,

persa in un sogno …

La cosa nera la, la sul divano …

Jazza, Jazza che dorme …

Sta suonando il mago,

il mago con la chitarra …

Prima o poi, si ritorna …

Vincenzo Dei Leoni

Restart or Standby

Inizio da capo o resto e combatto?

Combatto contro chi?

L´ignoranza della gente? L`ignoranza dei Parenti?

Amici falsi, drogati, spacciatori e delinquenti?

Sbirri, Finanza, Infami e inculatori sorridenti?

Devo lasciare la mia terra e andare la

dove batte l`altra metta del mio cuore?

Qui sono nato e amo questo posto,

il Sud, la puglia, il “Wild West” del l`Italia.

Cavalli in mezzo alla strada e degli cowboys armati

Rapine in banca e in posta

come nella fine del milleottocento della storia americana

Ognuno a cazzi suoi, ma tutti si fanno i cazzi tuoi.

Questi sono i cazzi miei, restart or standby?

Vado in Sardegna o resto in Puglia?

Inizio da zero o resto a casa?

Sardegna, aaaaaaaaah cazzo …

Troppo bella …

Questo dilemma mi mancava …

Mannaggia la Sardegna …

Mezzo pugliese e mezzo sardo,

come scegliere fra lupo mannaro e vampiro,

Gelato con l`amarena o fragole con la panna …

Restart or Standby?

Vincenzo Dei Leoni

Urto la sensibilità

Eccomi tornato, assolto, incazzato e sempre da evitare.

Si, lo so, dovrei spiegare, ma non qui e non ora

Adesso vorrei soltanto mettere fuoco a questa storia,

alla mia vita, il passato e tutto che sta intorno.

Scrivo due, tre cose tanto per sfogare …

Mi vogliono chiuso, mi vogliono lontano,

come mi disse un parente forse meglio se vado in Australia.

Come mi disse mia zia, “Tu per noi non esisti!”

Come mi disse un amico, “Forse meglio se ti spari!”

Come dicono tutti, “Forse meglio se sparisci!”

Tutto il paese si piscia appena mi vede,

iniziano a tremare se sentono il mio nome

E vi dico una cosa, avete ragione!

Non sono la pecora nera in questa famiglia,

io sono quel Lupo che ti osserva e aspetta

quello che sta nel oscuro e aspetta,

aspetto il momento che mi guardi dritto negli occhi.

Hai paura dal lupo nero? Allora ti sbrano e ti tolgo la vita,

metto fuoco alla tua casa e faccio festa con tua moglie e tua sorella!

Cattivo, cattivo, cazzo che cattivo …

Un mito, un mostro, la bestia in persona,

Dolce e tenero soltanto con la Donna

Ma non fatevi illusioni, soltanto se si scopa

Si, lo so, sono stronzo e da evitare, bla bla tutte cazzate …

Cattivo, cattivo, cazzo che tipo …

Vincenzo Dei Leoni

Scusate

Questo è soltanto un altra cazzata, scusate le parole, scusate il linguaggio, ma io qua mi incazzo!

Calmo, tranquillo, si certo, un cazzo! Scrivere è meglio che spaccare la faccia a quest` avvocato del cazzo … Per chiarire, questo non è una minaccia … Solo scrittura … Scrittura un po pazza … Solo na Storia, na storia del Cazzo … Solo scrittura … Fidati … Certo, Sto cazzo … Mancano tre giorni fin al processo, “Dobbiamo parlare Vince`… “ … “Si certo!” … “Ho parlato con il giudice, ti vuole sbattere dentro!” … “Apposto!” … “Forse possiamo fare diversi processi, la tiriamo lunga per un paio di anni, ma ti viene a costare minimo xxx mila euro … Ci stai?” … “Non ci sto! Assolutamente no!” … Si mette a scrivere sul suo computer del cazzo, stampa un foglio e mi fa, “Firma qua!” … “Che cos è?” … “Che ti consiglio di prendere un avvocato d`ufficio!” … apposto, adesso sono senza avvocato … Meglio da solo che con questa testa di cazzo! … Ho chiesto “Almeno mi puoi dire dove lo trovo questo avvocato d`ufficio?” … “Si, il giorno del processo vai subito la mattina, trovi tutti la, non ti ricordi quante persone stavano al tribunale?” … Rispondo? O resto calmo? Almeno un pugno, solo uno … Almeno vale la pena per tutta sta storia del cazzo … Quindi il giorno del processo vado la mattina al bar del tribunale, mi ricordo, stava uno al l`angolo con la birra a prima mattina … Vado al Bar, prendo altre due Birre, due caffè con una bella goccia di grappa e mi siedo da lui … Una ragionata, una risata e tante birre, la grappa e forse un po’ di bamba … Wooouuu una bella ragazza al bar, ci vado per dirle due parole, na scopata veloce nel bagno del tribunale … Accorgermi che l`avvocato è sparito, ma sta fuori a fumare, Puuh, che fortuna … “Sta per iniziare il processo, al terzo piano!” … a correre come i matti, con la bottiglia di birra in mano, ubriachi, strafatti e pronti a litigare … “Cazzo! È nel secondo piano!” … E mi incazzo, di nuovo tutte ste cazzo di scale … Arrivati, trovato … Apro la porta e grido “Silenzio! Pappa è arrivato! Per prima cosa, vuoi mi state tutti sul cazzo, brutti bastardi, teste di cazzo!” … l`avvocato che parte quasi piangendo “Ma non vedete che bravo ragazzo!” … Si, bravo un cazzo … Se non scrivo più altro, sapete che fine ho fatto … Grazie di tutto, grazie a chi mi legge, vi saluto, speriamo a presto …

Vincenzo Dei Leoni

Cose che non ti dico

Mancano quattro giorni per abbracciarti, quattro giorni per rivederti.

Per guardarti senza dire una parola, costringendomi di sorriderti, per non farmi vedere …

Ti guarderò negli occhi ma non più di due secondi, sorrido mentre guardo nel vuoto

“Tutto ok!” ti dico per non dire “Scusa!” … “Vediamo” ti dico per non dire “Conosco la fine!” …

Sinceramente non so neanche so ho voglia di vederti, di guardarti negli occhi sapendo quel che pensi … Per te sono tutto, sono il tuo orgoglio, sono tuo figlio, sempre forte … Ti voglio dire grazie per tutto che hai fatto, soprattutto per l`allenamento che mi hai dato, il comportamento che mi hai insegnato, le buone maniere e di restare calmo … Eri orgogliosa perche pensavi che ero bravo … Scusa mamma, ma ti ho mentito … Scusa mamma, ma tuo figlio è un criminale, Scusa mamma per il motivo per qui mi vieni a trovare … Non posso fingere che è tutto ok mentre mancano poco più di dieci giorni, non riesco a pensare a salutarti di nuovo se devo entrare … Non voglio vedere lacrime sul tuo viso, non ti voglio salutare l`ultima volta per tanti anni … Scusa mamma che sono un criminale …

Ti prego, non piangere, già me la cavo … Mi hai insegnato a combattere e nessuno mi batte, cerco di stare tranquillo, fin ad un certo punto … Sei stata tu ad insegnarmi come si tira un pugno, quando è necessario e quando è meglio lasciare stare … Mi ricordo ogni combattimento che abbiamo fatto, ogni parola che mi dicevi, come posizionarmi e diverse prese, come si tirano i calci e tante altre cose … Ti ringrazio per tutto che mi hai insegnato … Mi dicevi sempre “Mi raccomando, è pericoloso, non usarlo!” e scusami che non sono uno che ascoltava … Crescendo mi sono allenato, diventando sempre più pericoloso … Non potevi sapere che tuo figlio diventa criminale … Hai fatto tutto per evitarlo, scusa mamma sono io, un criminale … Scusa mamma che ora mi vieni a compagnare, a stare con me mentre il giudice parla … Mentre mi metteranno le manette per portarmi, ti sorriderò per nascondermi, per non farti piangere, come per dire, è tutto uno scherzo, ci vediamo domani … Un’altra bugia come tanti …

Vincenzo Dei Leoni

Inutile provare

Come un lupo, come un cane
Selvaggio, non da domesticare
Non mi siedo a commando
Non ascolto se mi chiami
Se ho fame vado a caccia
Se voglio dormire mi vado a coricare
Se prendi un bastone inizio a ringhiare
Se lo lanci per fartelo riportare
Sarai tu ad andarlo a cercare
Come un lupo, come un cane
Fedele a chi amo
Per la famiglia, per gli amici
Sono il primo a lottare
Essere padrone o essere cane
Per me è uguale
Sono io il mio padrone
E à Dio non li andava
Mi ha abbandonato per punizione
Perche non volevo ascoltare
Come un lupo, come un cane
Selvaggio, non da domesticare
Paura o debolezza
Anche da solo arrivo lontano
La via non la conosco
Non importa, anche da solo
Continuo a camminare
Nel buio, nella Foresta
Anche d`inverno, non sento freddo
Seguo la stella senza pensare
Vediamo, dove si può arrivare …

Vincenzo Dei Leoni

Trecento cavalli

Mi manchi, come in quella notte, fatta di desideri

Dove ti ho pressa da casa, con trecento cavalli

che tirano una carrozza, fatta di diamanti

Mi hai dato la mano, senza una parola

Sei salita, mentre mi guardavi

La tua mano tremava, ti tenevo forte

Il via ai cavalli, e in aria si parte

attraversando le case, sempre più piccole

Sempre più veloce, sempre più in alto

Su le nuvole, solo per sciare

Ci guardiamo negli occhi, guardiamo in dietro

Polvere di nuvole che si perde fra le stelle

La strada fatta, si perde nel buio

Senza il tempo, sempre più lontano

Sempre più veloce, sempre più in alto

Scendere come un fulmine

Per aumentare il sentimento

Prendere rincorsa

Salire al l`ultimo momento,

sfiorando la terra

Togliendoci il fiato

per salire più in alto

Per finire baciando

Ti ricordi quel giro?

A me mi manca …

Vincenzo Dei Leoni

La notte

Sono sveglio e non voglio dormire
Non voglio svegliarmi, far passare un giorno
la notte, poi l`alba, un giorno passato
Vorrei impedire al Sole di salire
Solo per scrivere altre mille parole
Per scrivere su un foglio e poi mettere fuoco
La luce, le fiamme, il buio ritorna
Le stelle, la luna, pian piano sparisce
La luna, amica, dai resta vicino
Mi ascolti in silenzio senza dire una parola
Seduto sul tetto ti racconto di tutto
Di bello, di brutto e mai un giudizio
Parlare con la luna è come bruciare il scritto
Il giorno sparisce e poi torna pulito
Come scrivere su un foglio seduto su gli scogli
Strapparlo a pezzi e buttarlo nel mare
Parole inutili che fanno solo male
Meglio bruciarli, darli a le fiamme
Il fuoco che brucia vive di parole
Le fiamme danzando su i miei sentimenti
Divertiti diavolo, ti vengo a trovare
La notte, nel buio, sono io a parlare
Il giorno, silenzio, sono io ad aspettare
Il giorno, il Sole, ora devo andare …

Vincenzo Dei Leoni

Noi due

Mi manchi, mi manchi cosi tanto … Ti sento, anche se sei cosi lontana …
Non ce giorno in qui non ti penso, non avevo mai cosi tanto bisogno di averti di fianco come ne ho adesso … Passa il tempo e conto i giorni, neanche più un mese fin al processo … Ti voglio vicino, ti voglio di fianco, ti voglio prendere un ultima volta in braccio prima che entro, stringendo ti forte, accarezzando i tuoi capelli, ti voglio vicino come da bambini … Sei mia sorella grande anche se in altezza ti ho superato già a dodici anni … Mi dai coraggio, mi sento più forte, se ci sei tu, nessuno mi tocca … Vorrei che vieni, che fai questo viaggio, che mi stai vicino quando prendo la condanna … Vorrei passare l`ultima settimana con te e i miei nipoti, vorrei vederli prima che fanno grande … Voglio vedere tuo figlio prima che esce con la prima ragazza, prima che si fa il primo giro in macchina … Voglio vedere tua figlia che due settimane fa ha fatto i primi passi … Voglio vederla correre verso le mie braccia … La voglio sollevare e coprirla di baci … Voglio vedervi, mi basterebbe una settimana, un giorno, anche soltanto un ora … Voglio vedere la mia Sorella grande …
Voglio, voglio, è l`unica cosa che voglio … Non posso pretendere, capisco la situazione … che non te lo puoi permettere e mi odio che non ho più la possibilità di pagarti questo viaggio … Stai tranquilla, intanto vi sogno …
Stai tranquilla perche ti penso ogni giorno, stai tranquilla, sono tuo fratello … Il tempo passa e ci rivedremo … Nessun muro, nessun Stato, neanche il mare ci separa … Mi sei vicino, anche se sei lontana … Vi sto di fianco, anche se chiuso, legato, buttato in buco … Chiudo gli occhi e vi vedo arrivando … Chiudo gli occhi e ti vedo di fianco … Sei mia Sorella, mi manchi cosi tanto …

Vincenzo Dei Leoni

Una stella salendo

Volavo nel buio, nel nero profondo

Sembrava volare ma aspettavo l`impatto

Qualcosa pero mi stava seguendo

Una luce, impossibile, era una stella cadente

Arrivava veloce più luminoso del sole

Lei mi guardava e disse

“Sorridi, sei carino!”

Mi ha sorpassato

Quindi anche lei, stava cadendo

“Ferma! E tu dove vai?”

“Sono una stella cadente

che non sopporta più il cielo!

Sono una stella che ha deciso di morire!

Intanto non servo ho tante sorelle

Non vedi il cielo è pieno di stelle!”

“è vero il cielo è pieno di stelle!

Ma guarda il cielo adesso che sei sparita

Non è più lo stesso, non serve più a niente!

Se guardi adesso, non vedi neanche una stella!

Forse non lo sapevi ma eri tu che illuminava le stelle!

Dimmi perche dici ad uno che cade sorridi mentre vai a morire?”

Lei mi guardo e non disse più niente

Forse non si aspettava una risposta del genere

voleva un sorriso e nient’ altro voleva

“Stella non vedi che tu servi a tutti?

Hai fatto sorridere me come tanti!

Si perderanno tutti in mare aperto

Se non vediamo le stelle non vediamo la via

Se tu vai a morire tutto il mondo ti segue!”

La stella è triste e la vedevo piangendo

“Ma … ma io mi sento da sola!

Ogni notte guardo la terra

vedo persone amare, sì amano tutti

L`amore lo vedo da un millione di anni!

Questo volevo, non volevo stare sola!

Voglio l`amore, essere amata!”

“Guardavi la terra sognando d`amore,

ma non ti sei accorta,

che noi tutti guardiamo il cielo?

Non hai visto in che direzione andava lo sguardo di tutti innamorati?

Non hai visto cosa guarda chi sta da solo?

Non c`è nessuno che non guarda le stelle

Non c`è amore se spariscono le stelle

Tutti vi amano e anch’io ti amo

Per favore, ti prego, ti supplico in ginocchio

Dai stella sorridi e torna al tuo posto!”

La stella con il sorriso sì asciugava le lacrime

Brillava cosi forte che anche da qua giù illuminava il cielo

Con un sorriso incredibile iniziava a salire

Poi si fermo, sì girava e disse

“ma tu stai ancora cadendo!”

“Ma non sono una stella e l`amore l`ho visto

Non ti preoccupare di me, io sto apposto

Adesso vai e goditi l`amore!

Caso mai non ti piace, sai dove mi trovi!”

Vincenzo Dei Leoni

Alzati, il caffè è pronto!

Vorrei altri trecento giorni come questo

Vorrei anni diversi di quelli che arrivano

Vorrei passare il tempo come è passato oggi

Con mio padre a lavorare

Vorrei sentirlo ogni mattina

Che mi sveglia piano piano

Mentre sta vicino a la porta

E chiama il mio nome due tre volte

Sento la sua voce e mi sveglio immediatamente

Lo guardo e mi dice

“Alzati, il caffè è pronto!”

E se ne va

Resto un`altro minuto nel letto

arrivano ricordi quasi quasi dimenticati

Quante volte mi ha svegliato

Già da ragazzino andavo con lui a lavorare

Dopo la scuola, ogni sabato

Nelle ferie della scuola ogni giorno ci andavo

Ogni mattina lui che mi svegliava

“Alzati, il caffè è pronto!”

Lo prendiamo insieme in silenzio

Nessuno che parla

Prepararsi e uscire di casa la mattina presto

Poi in Germania con tutto quel freddo

Sul cantiere a lavorare

Il compito mio era facile

Non dovevi saper fare niente

“Questi centosessanta sacchi di cemento, al terzo piano!”

“Tutti???” … “No uno, quei altri poi vengono da soli!”

Senza ascensore e neanche le scale

Un divertimento garantito

Un sacco sulla spalla e sì sale l`impalcatura

Ok, il primo è arrivato

Mancano centocinquantanova

Scendo e prendo due sacchi alla volta

Arrivato di sopra, il primo sacco già sparito

Mio padre che mi dice

“Sbrigati, ci serve il Materiale!”

Quel giorno lo ricordo bene

Ogni muscolo lo sentivo per settimane

Non so perche pero questo ricordo mi piace

Come tanti altri con lui a lavorare

Tutti i lavori fatti a casa in Germania

Tutti lavori fatti qui in Italia

Ogni estate sempre a lavorare

Quante volte giro dentro casa

E penso “Questo l`ho fatto con mio padre!”

Fuori sul piazzale, anche quello abbiamo fatto insieme

“Potremmo mettere una piscina di la, e la un`altro appartamento!”

“Si papa, poi lo facciamo!”

Anche lui certe cose non li pensa

Che lui ha sessanta anni e che io sto in attesa del processo

Anche se mi danno il minimo, si parla di sei anni

Certo, poi lo facciamo …

Nel futuro, che vorrei evitare

Vorrei farlo adesso, domani, in questi tre mesi

Vorrei fare tutto per farlo felice

Pero insieme come nei tempi passati

Come prima, con mio padre a lavorare

Il futuro, no, non lo voglio pensare

Vincenzo Dei Leoni

Estremamente maleducato

Qui forse forse non trovate belle parole

Parole come cazzo, stronzo e coglione

Arrivano in tanti, sparati da un coglione

Uno che s`incazza e poi lo scrive pure

Perche s`incazza?

Che cazzo importa

Allora perche lo scrive?

Il motivo è questo

So`cazzi miei

Se qualcuno lo legge

Ouu fatti i cazzi tuoi

Io qua mi diverto

A cazzi miei

Un tipo un po`strano

So`cazzi miei

Le cose che scrivo

Non conosco la categoria

Racconti, pensieri

Parole sparate

Forse cazzate

Forse poesia

Sicuramente cazzate

Confermano i coglioni

A chi sa ben leggere

Lo dichiara poesia

Bugia vi rispondo

Perche un poeta non sono

Chi sono? Chi sono?

So`cazzi miei

Poeta o scrittore

A cazzi miei

Allora perche sto incazzato?

Ora cerco a spiegare

Un secondo, un pensiero

Ma chi cazzo me lo fa fare?

Tutte queste cazzate, scusate

Le scrivo e basta

Incazzato, incazzato

O forse solo triste

Ma che cazzo importa?

Chi cazzo se ne frega?

Mentre leggete

Un mio pensiero

Vi rubo un tesoro

Il tempo della vita

Incazzatevi pure

Avete ragione

Un consiglio che aiuta

E questo piccolo pensiero

“Ma chi cazzo se ne frega?”

E scusate questa cazzata

Scusate? Un secondo …

Ma che cazzo me ne frega

Vincenzo Dei Leoni

E neanche se ne accorge

Questa notte troppo silenziosa
Mille pensieri che mi passano per la testa
Quasi quasi mi alzo
No dai resto nel letto
Ma questo letto forse troppo grande, qui mi perdo
Pensieri pensieri
Domande domande
Chi sa se il fuoco è ancora accesso
Se è spento nel salotto farà freddo
Vado a guardare
No dai resto nel letto
Chiudi gli occhi mi costringo a dormire
Senza domande e senza pensieri
Un silenzio un po` troppo strano
Parte un colpo, un rumore conosciuto
Cosi forte che spezza il silenzio della notte oscura
Un rumore che nessuno vuol sentire
Sembra una pistola non credo un fucile
Troppo vicino ma non dentro casa
Fermo il respiro, aspetto, ascolto
Non sento nessuno che grida ferito
Nessuna macchina che parte sgommando
Forse è stato pure un colpo preciso
Forse l`hanno sparato da vicino
Senza neanche il tempo per una parola
Forse di nuovo se ne andato un uomo
Forse soltanto un avviso, un avvertimento
Chi lo sa se mi hanno sparato sulla casa
Qui succede sto nel sud del italia
Mi alzo, metto gli jeans e la giacca
Se era per me allora dimmelo in faccia
Mi vuoi sparare allora vieni vicino
Se è uno solo lo chiedo
e il resto dei tuoi amici?
Anche se mi aspettano in dieci
non è che cambia tanto
Paura io non me ne prendo
Morire ma chi se ne frega
Uno solo o dieci venite
Esco fuori
Neanche un cane che abbaia
Altri due colpi
Mi sa dietro casa
Vado e vedo un ombra vicino
Uno che sta fermo e sta caricando il fucile
Lui non mi vede
Non mi sente neanche
È cosi concentrato a caricare quel arma
Un uomo anziano forse sessant’anni
Resto silenzioso lo guardo soltanto
Lui carica e continua la sua strada
Sparisce nel buio dietro un paio di alberi
Soltanto un cacciatore che rischiava la guerra
Vincenzo Dei Leoni

Che carina

Mia sorella che mi manda una foto di una torta, che aveva come decorazione una pistola tutta nera di sopra … “Questa te la faccio per dopo il processo, per festeggiare che non devi entrare” …
Io rispondo “Pero la mia aveva il manico nero e la canna cromata” … Che carina … Che carina che crede che mi lasciano andare cosi … Che carina che prova farmi credere che ho motivo per festeggiare dopo il processo … Chi sa, forse meglio festeggiare prima del processo … Che ne sa lei quanto mi mancherà di non poterla chiamare più quando voglio, che non la posso vedere quando voglio, neanche un messaggio veloce al volo … Che ne sa quanto mi ha spezzato il cuore di non poter andare in Germania per il terzo compleanno di mio nipote … “Vieni! Vieni e torna subito!” … Che ne sa come mi sento se mi dice queste cose … Che ne sa come fa male dire ogni volta “Scusa, non posso, arrestato, non va!” … Sembra che lo dimentica … Che carina, che fa finta di niente … Potrebbe essere facile … Partire la notte e sperare di non passare qualche controllo, qualche posto di blocco … Quante volte ho passato le frontiere senza nessun controllo … Potrebbe funzionare … E se non funziona? Direttamente in prigione chi sa dove … Resto qua, almeno sto a casa mia, anche dentro, ma qui sono nato, qui mi possono anche chiudere, qui devo morire, qui sto a casa …
Altri tre settimane e la mia nipotina ha il primo compleanno … Aspetto già il messaggio di mia Sorella che dice vieni, è il primo compleanno … Fa male … l`ho vista quando è nata … l`ho vista questa estate … Chi sa la prossima volta che la vedrò … Chi sa che ragazza bella è diventata … Chi sa mio nipote … Mi farà preoccupare … Che già adesso è un po` troppo come me … l`estate quando stavano tutti qua mio nipote è andato da mia sorella e voleva lo stesso tatuaggio che ho io sul polso, mia sorella ha presso una matita nera e l`ha fatto … Mio nipote subito correva da me per farmelo vedere … Non avevo parole … “Bello mio” dicevo mentre gli ho dato un bacio sulla guancia … Mi veniva da piangere … “Perche l`hai fatto?” dissi a mia sorella … Che ne sa lei cosa significa … Che ne sapevo io cosa guarda mio nipote … Chi ha mai detto che sono un buon esempio … Perché nessuno gli spiega …
Perché nessuno vede … Che carini, tutti che chiudano gli occhi … Che carina che ogni volta dice vieni … Che frase carina “Non succede niente” … Che carini, tutti che sognano un mondo perfetto … Tutti bravi ragazzi … Tutti stanno bene … Il Diavolo l`ho abbiamo mandato al inferno, questo mondo, tutto bello … Tutto ok … Tutto ok …

Vincenzo Dei Leoni

Viso nel fumo

Nella notte una fiamma

Tre secondi sparita

Con un respiro profondo

Aspiro il fumo

Un pensiero l`ho perso

Altri in arrivo

Prendo un altro tiro

E guardo verso il cielo

Stelle che brillano

Lo sguardo si abbassa

Espiro il fumo

E Questo si ferma

Appare un bel viso

Quasi trasparente

Mi guarda negli occhi

Silenzio il saluto

Mi viene un sorriso

Cos è che mi fumo

Il viso di una Donna

Che vedo nel fumo

Di sorpresa il vento

E mi ruba il sorriso

Con lo sguardo la seguo

In alto la porta

La perdo di vista

Lontana è sparita

Aspetta un secondo

Nel fumo è che stava

Prendo un altro tiro

Aspetto un secondo

Espiro tutto il fumo

E niente succede

Un tiro un altro

È arrivata la fine

Nel fumo più niente

Anche il vento è sparito

Un sguardo soltanto

Ti mando un saluto

Ascolta il vento

Non ti ha rubato

Soltanto un amico

Per tutti è stato

Con il vento non ti fermi

In alto ti ha portato

Resta il silenzio

E fumo di nuovo

Vincenzo Dei Leoni

Forse un po’ tanti

Kerstin, Katherina, Cristina

Stefania, Sonja, e Nathalia

Anna, Katja e Valentina

Sandra, Sandy e Samantha

Anja, Jennifer e Anne-Kathrin

Lisa, Silvana e si continua

Nomi, nomi, e tanti ricordi

Ricordi, ricordi, anche senza nomi

Nomi, nomi, anche due tre volte

Donne, Donne, forse un po’ troppe

Pensieri, parole, sempre belle Donne

Visti, parlati, e già si son persi

Non è che resisto, facilmente mi perdo

La preda più facile mi sa che son io

Adesso dico basta ma un uomo son io

Discreto silenzio e si continua la lista

Parole già perse, sentiti di nuovo

Parole già viste, già persi di nuovo

Nomi e Storie ne ho scritte, non servono altri

Credo che basta, gli ricordi son tanti

Non posso portarvi, il ricordo m`accompagna

Nessuna in attesa per colpa mia deve stare

Un amore già perso non si può iniziare

Se cercate l`amore cancellate il mio nome

Qui sotto lo scrivo

Vincenzo Dei Leoni

Stanza immaginata

Ho trovato una porta, una porta nascosta

Come entrare in un posto, una stanza diversa

Una porta soltanto, senza luce e finestre

non vedo più niente, per colpa del buio

Soltanto il nero, è tutto che vedo

neanche il colore del muro, mi ricordo più bene

Posso riempirla di tutto, sempre nel buio si perde

Anche se tutta colorata, sempre nera è diventata

Questa stanza nascosta, tutti colori mi ha rubato

la dentro perdo tutto, tutto nero è diventato

Un buio profondo, nero nero nero si può spiegare

si è chiuso la porta, la luce fuori rimane

Neanche la porta, l`uscita riesco a trovare

Inizio a gridare, sto solo pensavo

Inizio a sentire delle cose, sento delle voci cantare

Immaginazione, solo cosi lo posso spiegare

Mi viene di stare zitto, come un ragazzino ad ascoltare

Per non rovinare il canto, la smetto di parlare

Sembra che ce qualcuno, dentro ò fuori deve stare

Non vedo nessuno, troppo buio in questa stanza

Vorrei accendere un fuoco, ma anche questo mi ha rubato

Anche se mi piace il canto, la smetto di ascoltare

Anche se mi piace il fuoco, un ricordo deve diventare

Se penso a questa stanza, neanche un muro c`è mai stato …

Vincenzo Dei Leoni

Hai superato le mie mura

Hai superato le mie mura … sembra l`inizio di una canzone, una Favola d`amore, scritta da una principessa, in un castello lontano, su una montagna, circondato da foresta oscura, nera e pericolosa … Le mura altissime, cannoni e draghi giganti che sputano fuoco, mangiano persone … la difesa migliore … impossibile avvicinarsi … è tutto questo, per proteggere la cosa più bella … l`unica cosa, che illumina questa foresta …
Un principe, figlio di un Re, buon uomo e famoso, conosciuto da tutti … un Guerriero su un cavallo bianco … accompagnato di un’armata di cinquanta divisioni, soldati, tutti figli di qualcuno … Tutti la desiderano, vogliono questa principessa, ma solo il Principe la può avere …
È tutti in questa foresta oscura, pericolosa, in cerca del castello, l`entrata, sperando di trovare la principessa, la Donna più bella, la luce del cuore … la difesa è il problema, la foresta, l`oscurità, la mente e la paura … il principe, Guerriero di Casa, Paura non l´ha mai vista, non la conosce, non gli é mai stata presentata, neanche spiegata … come la principessa, nessuna la conosce, per lui legenda …
i soldati, le divisioni, tutti uccisi, bruciati dai fuochi, mangiati dai draghi, sparati dai cannoni, il principe scappato, la paura lo segue, lo caccia e lo trova, lo prende, ogni notte passano insieme … non dorme più bene … è la foresta, il castello, la principessa che vede … la paura si é portato a casa da questa foresta oscura, nera, la Paura è la sua nuova compagnia … adesso solo con lei passa la sua vita …
è la principessa? Perde il tempo a pensare al l`amore, che arriva qualcuno che la fa uscire da questo castello ghiacciato, si fa pensieri su cose che non conosce … s’immagina di amare, senza saper come fare … in attesa di amore per riempire il cuore, di riempire il vuote che sente nel suo cuore … almeno che cada la neve, già che fa freddo … almeno cambia colore, di ciò che vede ogni giorno … sempre sola, segregata … sola con la speranza … in attesa di qualcuno, che realmente non conosce … sa che esiste, spera che viene, spera che resta, che li fa vedere il colore … il mondo che vede da la piccola finestra, sempre oscuro, sempre nero, anche di Giugno, spera che almeno cade la neve …
Purtroppo da questa foresta, non passa anima buona … Passeggiando sta uno, con la mente fredda, ghiacciata, più oscura della foresta … dove passa lui, si congela tutto, cade la neve, anche di Giugno … sembra che la porti con se, sembra ghiacciato, ma che lui è caldo, è il suo segreto … non è un principe, suo padre non è Re … Non é nessuno … Sta sempre in viaggio, come si usava in quei tempi, anche lui con il suo cavallo … nero … alto … quindi un cavaliere, senza armata, senza soldati, senza compagnia, ma sempre armato … con un cavallo, nero … come la sua mente, senza colore, senza gran sentimento …
si avvicina al castello, lo vede per la prima volta, strana questa luce che arriva da quella piccola finestra, illumina tutto, manda troppo calore … una luce che sembra il Sole in mezzo a questa foresta, è troppo curioso, vuole vedere … un bianco luminoso, acceso, da troppo tempo che vedeva il nero … la foresta, i cannoni, i draghi, tutte le mura e gli ostacoli, senza problemi, senza pensieri gli ha superati … passa tranquillo, sale la torre e trova una cosa, che non si aspetta …
Deve essere una principessa, una Donna cosi bella, una Donna vera, una Donna che si merita soltanto tutto il bene di questo mondo, una che merita tutti colori di questo pianeta … anche lui la desidera, la vuole, a prima vista s’innamora, sapendo che non va, perche non ha colore … lei dice: “Sei entrato qui, hai superato le mie mura, sei tu quello che desidero? Sei tu quello che aspetto, che mi fa vedere il colore?” … “Vorrei tanto esserlo, ma non posso … Volevo soltanto vedere cosa è questa luce, perche anche a me piace il colore, e come uno scemo, mi sono avvicinato … Non ti posso portare con me, il mondo mio è nero, non vedo colore, non lo posso neanche cercare, anche che mi piace vederlo, adesso lo devo evitare … Mi dispiace, ma ti devo lasciare, scusa, che sono entrato, che mi sono avvicinato” …
Sparisce silenzioso, si porta soltanto un brutto ricordo da questo castello, non la paura, ma un` altro dolore nel cuore … tutti due restano soltanto con la speranza, che qualche giorno passa un principe da questa principessa, e la porta via, che gli fa vedere il colore, tutte le cose belle di questo pianeta, che la fa sorridere, ogni giorno … senza sapere, che già è passato, che il principe, ormai si ha sposato …

Vincenzo Dei Leoni

Non è per me

Ti ho visto, ogni giorno, anche mentre dormivo, con gli occhi chiusi, anche adesso, eppure sto sveglio …

Ti ho visto, come mi accompagni, per tutta la vita …

Ti ho visto vestita da sposa … già mentre ti cambiavi il vestito …

Una cosa proibita, vedere la sposa mentre si cambia, la sposa finita, una sposa finta …

Era per una foto … soltanto …

Per un ristorante, che ti ho comprato …

Perche ti piaceva a stare in mezzo a la gente, fuori di casa …

Per un fioraio, anche …

Perche ti piacevano i fiori, ho esagerato …

Ti ho visto vestita da sposa, in bianco … non eri mia … era per una foto, soltanto …

Una foto l`ho fatta anch’io, mentre ti cambiavi …

di nascosto, anche se mi vedevi …

Mentre ti guardavo, ho salvato la scena, come ti metti quel vestito in bianco, sexy dessous di sotto, il tuo sguardo …

Soltanto per la foto, avrei comprato il mondo …

per dire che sei mia, avrei dato via tutto …

Pensavo che arrivi il giorno, che ti vesti in bianco,di nuovo, ma per me, soltanto …

Solo per me … nient’altro …

Mi resta soltanto la foto, che non guardo …

Mi resta il ricordo, soltanto …

Di te in bianco, un ricordo che non sopporto …

Sei sparita, come tutto, tutto quanto …

Solo un ricordo, che non voglio …

Come un foglio, come il vestito, tutto bianco …

forse l`avrei soltanto sporcato, di nero, d`inchiostro …

anche soltanto scrivendo “Ti amo!” … parola nera sul bianco …

è rimasto soltanto il ricordo, che non voglio, che non ho pagato …

Non l`avrei mai comprato, questo ricordo …

Tu in bianco, per la foto … soltanto …

Vincenzo Dei Leoni

Non è per te

Vorrei scrivere un grazie a tutti … che mi avete mandato un messaggio per il compleanno … con delle bellissime parole, delle immagini con le torte e frasi tipo `una bellissima giornata con i tuoi` … grazie per il pensiero, anche se era soltanto un attimo, un paio di secondi della vostra giornata per mandarmi parole di buon compleanno, solo che se vi scrivo di più, vi deluderò … vi tolgo ogni sorriso … per ciò qui scrivo soltanto grazie, grazie di cuore a tutti che mi hanno scritto … strano, chi non mi conosce, mi scrive … quelli che mi conoscono, quelli che si chiamano amici, cugini, da quando è successo tutto, nessuno mi scrive … solo lei mi ha scritto … la mia vita che ho perso scrivendo … ma di scrivere non smetto, anche se lo faccio sempre di segreto … tanto per scrivere, lo scrivo qua, senza che ce la possibilità che Lei lo legga, a parte che non parla neanche l`italiano … chiamatelo una piccola lettera alla mia ex … chiamatelo un piccolo regalo che vi delude … a chi vuole, adesso può smettere di leggere, gli auguri sono passati, grazie l`ho detto … vorrei soltanto scrivere una risposta anche a lei, già che mi ha scritto … solo che non posso, non serve a nulla, se lei adesso ride, sta felice, resto lontano, non mi avvicino … non scrivo neanche grazie, neanche una parole, neanche un puntino, che in quel caso sarebbe una lacrima, oppure tre … Ok, a te … forse l´amore della mia vita, forse … tu dici di no, ma io ci credevo … purtroppo non ha funzionato, hai detto, e ancora non capisco perche, uno di quelli tanti punti interrogativi della vita … non capisco perche mi scrivi … perche mi auguri buon compleanno da parte tua e di Diva (Diva era il nostro cagnolino barboncino toy che gli avevo regalato, l`abbiamo cresciuta insieme, solo per spiegare almeno qualcosa) … vorrei scrivere soltanto a Diva, ma purtroppo non sa leggere, e non penso che tu gli lo leggi … spero che Diva mi ha dimenticato già, giocando nel giardino … non come tu che mi scrivi e io non posso neanche rispondere … lo scrivo di nascosto e poi lo faccio leggere ad un casino di persone, con la speranza che arriva qualche critica come messaggio, qualche consiglio dove sbaglio a scrivere, qualche reazione … perche lo faccio, non lo so, ormai sto solo … intanto la versione che pubblico, insomma, non scrivo tutto, cancello tante cose, cerco a non mettere emozione, a non scrivere troppo … non come ciò che hai letto tu e ancora oggi mi chiedo le stesse cose … perche ti ho fatto leggere? Perche ho scritto e te lo fatto vedere? … scrivendo, forse scrivendo ti ho perso, forse scrivendo di nascosto … forse, se lo dicevo prima, ti avrei persa anche prima … tu non sapevi niente … per sei anni uno di tanti, tanti di quelli segreti … tante di quelle storie mai dette, tante delusioni, tantissime cose scritti di notte mentre dormivi, tante volte scrivevo a te, le cose che ti volevo dire … avvolte anche con il cellulare nel letto, per non alzarmi, per non svegliarti … mentre ti guardavo, ti scrivevo, come eri bella mentre dormivi, come respiri, come ti muovi anche dormendo, lo sapevo, eri troppo per me … un desiderio, un sogno … cerco a immaginare come se fossi veramente un sogno … come se non ci fosse mai stato neanche un giorno di quelli sei anni, ormai persi, persi sperando … sperando che eri mia, sperando che resti, mi accompagni per sempre … sperando che mi stai vicino, magari adesso … magari se possiamo scrivere soltanto, anche che ti ho perso … mi fidavo di te, soltanto … ti ho fatto leggere delle cose, che ormai ho cancellato di nuovo, purtroppo non dimenticato, non si cancella … ancora mi ricordo il giorno che te lo detto, che scrivo, dove ti ho fatto leggere la prima volta … “Scusa, io vado a letto”, e piangendo andavi … scusa se te lo detto … se ti ho fatto piangere … ancora penso che cosa sarebbe successo se non te lo avrei mai detto, se fosse rimasto mio segreto … se non li sapevi, queste storie che hai letto … che sarebbe successo se ti avrei scritto altre cose, soltanto parole di amore scelte solo per te … forse non mi avresti lasciato tre settimane dopo … il tuo sorriso era sparito … ti vedevo sempre ridere, non più adesso … non dopo che mi hai letto … aveva cambiato il modo come mi guardi … mi chiedevo, adesso cosa vedi … adesso eri tu che non mi parlava, che non sapeva che dire, come sopportare … credimi, sono capace a scrivere un milione di volte ti amo su centomila pagine … e ancora non mi sarei neanche spiegato, sarebbe soltanto l`intro … le parole d`amore che ho scritto a te, scusa, li ho cancellati, bruciati … non volevo che lo leggi, come adesso, che ancora ti amo, è un segreto … se ti scrivo adesso, sarebbe da egoista … perche caricarti i miei pensieri, i miei problemi … volevi che vado, sparisco … non ti dico che tu eri la mia vita, non ti dico come mi manchi, come vorrei tanto che vieni, che rimani … non ti dico che lasciando te, ho lasciato la mia speranza … non ti dico che tu eri la mia salvezza … non ti dico, come mi hai calmato, che non sono solo parole, avevo bisogno di te, forse ancora … non ti dico cosa ho fatto tutto soltanto per te, cambiando la mia vita … rischiandola ancora oggi, ancora più di prima … non ti dico che non mi importa più niente, della mia vita … ormai l`ho persa, scelta sbagliata … non ti dico che ho lasciato la Germania, per venire in Italia … non ti posso dire che mi hanno arrestato tre giorni dopo l`arrivo … non ti posso neanche dire che il giorno del processo, è una data che per noi due era importante, un giorno che già una volta, mi ha girato la vita, è tu mi hai accompagnata … questa volta vado solo, non mi accompagni, anche se mi chiederesti, ti direi di no, sparisci … evita mi, come fanno tutti … non ti posso dire quanto avrei bisogno di parlarti, ma non posso … sinceramente vorrei soltanto appoggiarmi, senza dire niente … come al solito … non dico niente … non ti posso scrivere, non ce niente da spiegare … anche che ti scrivo un romanzo, sarebbe uno senza happy end, uno che forse a la fine ce uno che si spara, sparisce veramente … non ti lascerà con un sorriso, non con la voglia di continuare a leggere … andresti a letto piangendo, di nuovo … non ti scrivo niente … neanche un puntino … neanche per favore cambia la tua foto di profilo, perche su la foto stai qui, sopra casa mia, sopra il trullo … per favore cancella la foto … per favore scendi dal trullo … io qua dentro scrivo, io qua dentro ci vivo … sparisci … non voglio pensare che stavi anche tu … non voglio scrivere cancella tutto, sono passati mesi … per favore dimenticami … per favore, facciamo finta che era un sogno … per favore, svegliamoci, tu di la, io di qua … soli, divisi … fami credere che eri soltanto una ragazza che ho visto la mattina, una che ho solo guardata un secondo … fammi credere che ho presso la decisione giusta a non parlarti, ad evitarti quella mattina … fammi credere che la storia nostra, era un sogno … che non era reale, che non ci siamo mai conosciuti … per favore, esci dalla mia vita … per favore, non aspettare che ti scrivo, neanche una parola, neanche un puntino … per favore dimentica tutto … per favore, sono sparito … per favore, come dici tu, è finito …

Vincenzo Dei Leoni

Take a decision

Hey God, what’s your problem? What do you want?

Hey Mister, i traveled very far to come home, God, I traveled a lot,i think in company but I was alone. I remember the day when you left me … when you stopped talking, watching to me, and now I ask you, again, what’s your Problem? What you want?

I fight for my life, fighting alone. Fighting for the entire street down, I only want to go home. Nobody wants, my mom not, my dad not, Lord, even you not but I give a fuck, I’m alone, you left me, I go Home.

What the hell is your problem? What do you want? Yes I’m a traveler but one thing you forgot, I’m Son of the Sun with a lot of fire closed in my heart. Thank you for the present at third day after I arrived at home. Keep continue, so I came up there and burning everything down. A fire in heaven, all Stars exploding, even the devil came to my Party.

So, Hey God, remember, I’m son of the sun.

Hey God, stay by my side or left me alone, but please don’t let me fight, fight again. Not versus You, I don’t want, so take a decision or one of us has to run …

Vincenzo Dei Leoni

La ragazza del biscotto

Ok, questo è una storia per me molto personale, una che non ho mai raccontato, soltanto scritta minima cento volte, di notte, quando stavo solo, per poi bruciarla, sperando che sparisca, sperando di non vederle più, queste due ragazze … una storia che se ci penso, mi fa di nuovo piangere … perciò la scrivo … in italiano per la prima volta, scusate, il mio italiano fa pietà … inizio, non da capo, entro in mezzo … era inverno, inizio di dicembre. Era buio quando sono arrivato a Milano. Per fortuna l`albergo l´avevo prenotato la mattina, prima di partire, come al solito, tutto nel l`ultimo secondo … come pure la macchina, una di noleggio, una con la Stella, Nera, con tanti cavalli, pelle nera, Carbonio e Alluminio, profumo di nuovo, un bel giocatolo, ma non importa … il parcheggio si trovava sotto l`albergo, dovevo prendere l`ascensore per arrivare in camera, una di quelle grandi, forse troppo grande per una persona, era un appartamento … l`albergo uno di quelli con tante stelle, intanto il prezzo, non m’interessava per niente … esco la chiave con questa stella e la butto sul tavolo insieme al borsellino e la chiave della camera… Mi tolgo il vestito, Marca italiana, comprato la mattina, per fare bella figura che a nessuno importava … intanto lo butto prima di tornare a casa, non me lo porto come ricordo … mi passavano troppe cose per la testa, mi serviva una sigaretta … sul tavolo quel foglio “vietato fumare” ma a me non me ne frega … apro la finestra e mi appoggio, sento qualcuno ridere … due Donne, sul l`altra parte della strada … vestiti veramente sexy, troppo sexy per quel freddo che faceva … mi fumo la sigaretta e gli ascolto, stanno parlando, scherzando, io in silenzio che li guardo, che ascolto … mi sento un po’ strano, non dovrei ascoltare, penso … vedo che una cerca qualcosa nella sua borsa, “Che cerci?” chiede quel l`altra. “Avevo un biscotto a qualche parte, ho fame …” … “al prossimo cliente, non usare il preservativo!” risponde la amica … a me mi viene da rovesciare … loro che ridono … la ragazza che cercava il biscotto, rideva, ma non sembrava per niente vero … mi scendevano le lacrime … mi sono vestito, ho presso il borsellino e le chiavi e sono sceso con l`ascensore direttamente al parcheggio, mi sono messo in macchina, e sono partito … “Non piangere!” dicevo a me stesso mentre uscivo dal garage … ho girato subito a destra e già li vedevo … quella che aveva fatto la battuta, già mi faceva segno … mi sono fermato, ho abbassato il vetro e ho chiesto “Vi va di fare un giro, tutte due?” … mi guardavano un po’ strano … “Ok”, dice sempre quella che mi faceva segno, “allora 100,-“ mi risponde … “Ok, allora 200,- perche siete in due” dico io, … Mi fa un sorriso ed entrano tutte due … Quella che parlava si ha seduta avanti, e l`altra che cercava il biscotto, seduta dietro, non aveva detto una parola … “Bella macchina” dice la ragazza che stava seduta vicina a me … “Grazie. Ho fatto un lungo viaggio oggi e non ho ancora mangiato niente, vi va di andare a prendere una cosa veloce?” … sinceramente fame non ne avevo proprio, io no … “Si, ma costa extra!” mi risponde … metto la mano nella tasca della giacca, prendo un foglio, uno da cinquecento … “Questo ve lo do, se venite a mangiare con me!” … tutti due che ridono, quindi lo metto di nuovo in tasca, alzo il volume e accelero … mentre attraverso le strade di Milano nella notte, nessuno parla, anche con la musica sento il silenzio … la ragazza vicino a me che guarda dalla finestra, guarda la zona, i negozi, le luci passare troppo veloce, non lo so, aveva un sguardo un po’ perso … l`altra che vedevo dall’ specchio, timida timida seduta dietro, con il telefonino in mano a scrivere qualche messaggio … forse scriveva a sua madre, forse `ciao mamma, mi mancate tutti. Io sto bene, sto lavorando come modella a Milano e mi trattano molto bene …` … forse mandava soltanto un messaggio a quello stronzo a qui appartengono, forse li scrive che hanno un cliente, che tornano fra un’ora, che pago extra, non lo so … avrei voluto che mandassi un messaggio a sua madre, che la viene a prendere immediatamente … mi fermo davanti ad un ristorante, uno di un amico, non importante … davanti la porta un signore, Giuseppe … uno che apre la porta ai clienti, e ti dice di no, se non ti conosce, o se non gli piaci … a me mi conosceva, purtroppo la porta questa volta non me la aperta quando sono arrivato davanti con queste due ragazze bellissime … “Scusa Vincenzo, con due puttane no, non puoi entrare!” … “Ascolta bello, adesso mi chiedi scusa, perche una è mia cugina, l`altra è una amica che fa la modella qui a Milano. Adesso ci lasci entrare, altrimenti ti lascio qua a terra mentre spacco tutto il locale e lo sai, tuo capo mi dirà pure grazie per averlo fatto!” L´ultima frase lo detto a bassa voce, non volevo spaventare le ragazze, ma lui mi ha sentito, anche bene … si apre la porta e con tantissima gentilezza dice a le due signorine, “prego avanti”, mentre chiama il cameriere per dirli “Un tavolo per tre, veloce!” … “Grazie Giuse” e gli faccio l`occhiolino per farli capire, era una bugia che li ho detto, non siamo cugini, non è una modella, non avrei mai spaccato il locale … Appena entrati, tutti che ci guardavano … queste due ragazze infatti erano bellissime, da guardare ogni giorno, uni minuto, uni secondo … Abbiamo passati una bella serata a mangiare e a bere, ridere e scherzare, più a bere che parlare … forse bevuto anche troppo, insomma, dovevo guidare … anche che non abbiamo parlato molto, anche che loro avvolte parlavano nella lingua loro, non mi importava, anche sapendo che sicuramente parlano di me, mi piaceva la compagnia, il pensiero che stanno mangiando bene, bere per forse dimenticare, che non stanno la fuori al freddo ad aspettare qualche stronzo che li compra per mezz’ ora … non avevo paura che mi fregavano, che stanno parlando come fare a rubarmi qualcosa … sapevo che hanno più paura di me, anche mentre mangiavano … non si fidavano … Quando siamo usciti ho presso quel biglietto che li avevo promesso e lo dato … avevo chiesto se li posso accompagnare a casa … “no va bene, andiamo a piedi, non e lontano!” diceva quella che parlava sempre … mi voleva dare un bacio ma lo evitato, quindi mi ha presso un secondo in braccio e mi ha detto grazie … l`altra, quella ragazza del biscotto, mi ha presso in braccio, stringendomi forte … come se non voleva andare, come se mi conosce, come se voleva venire … lei non disse niente, neanche grazie, io li disse “Scusa!” … e sono andato …

Vincenzo Dei Leoni

Al posto di …

Al posto di dormire, scrivo … al posto di addormentarmi, penso … anche pensando, scrivo … al posto di restare al letto, mi alzo … al posto di scrivere ciò che voglio, sposto pensiero, scrivo un’altra cosa … al posto di scrivere dolore, scrivo amore … al posto di pensare, scrivo … tanto per sognare, scrivo … divento personale, scrivo … al posto di far qualcosa, scrivo … uni giorno e uni notte, scrivo … al posto di vivere, scrivo … al posto di uscire, scrivo … al posto di mangiare, scrivo … mi dimentico di bere, perche scrivo … dovrei fare di tutto, scrivo … dovrei imparare l`italiano, perche scrivo … dovrei imparare l`italiano, perche non capisco tutto di ciò che mi scrivono …  dovrei, dovrei, dovrei, scrivo … dovrei forse parlare con l`avvocato, scrivo … dovrei dirli che è un gran` imbranato, scrivo … dovrei cambiarlo per poter star libero, forse … mi sento soltanto libero, mentre scrivo … se deve essere cosi, guardo da una piccola finestra, mentre scrivo … sentirò porte di ferro battere, mentre scrivo … non mi metterò a contare i giorni, scrivo … sicuramente i muri già sono pieni di strisce che rappresentano giorni di qualcuno e io non li conto, scrivo … dovrei chiedere uni giorno per altri fogli, perche scrivo … sperando che me li danno, per star libero, mentre scrivo … non importa, scrivo … anche solo pensando, scrivo … tante lettere a miei genitori, mia sorella e miei nipoti, scriverò … libri, non uno, scriverò …  pensieri su tutto e su tutti, scriverò … la fine può essere veloce per chiunque, scriverò … l`amore è doloroso, scriverò … un brutto sogno, scriverò … mi sono perso, scriverò … non volevo scriverlo, scriverò … meglio perdersi nel deserto, scriverò … qui e ora, scriverò …  ancora libero, scriverò … soltanto libero mentre scrivo, scriverò … un saluto dal fondo, scriverò … sono arrivato, scriverò … è me ne vado di nuovo, scriverò … basta scrivere, scriverò … allora scrivo, scriverò … senza vivere, scriverò … senza vita, scriverò … chi vuole continua, scriverò … Vincenzo Dei Leoni

Scusa Dio

Devo scrivere una cosa, un avviso, una confessione … stavo a letto pensando a qualcosa, qualcosa però mi dava fastidio, come una pietra sul petto, sopra il cuore … conoscevo questo sentimento, mi succede spesso, per non dire sempre … era la croce, il crocifisso … questa volta colpa di mio padre,  che mi voleva regalare per forza una croce, come se fossi un santo, un angelo, non lo sono … lui a Dio ci crede, io invece, non lo so, qualcosa c`è, qualcuno ascolta … qualcuno si diverte, ancora … è strano … mi sono tolto la catenina con questa croce, nel buio avendola fra le mani, pensavo a Dio e subito a mia nonna, che per me sta seduta vicino a Dio … iniziavo a pensare come se ci stesse parlando con lei, con mia Nonna … chiamatelo pregare, se si può chiamare così … con delle lacrime le dicevo che mi sento come se devo andare in chiesa, chiedere scusa, non solo per ciò che ho fatto, per ciò che farò, per ciò che scrivo, per ciò che ho scritto … mia Nonna disse dillo, ma dillo a lui … sempre con delle lacrime, più di prima, a Dio, da tantissimi anni che non ti rivolgo la parola, adesso solo un “mi dispiace, non ti piacerà ciò che scrivo su di te, Gente di casa tua, gente che dice che ti ama, e lavora per te … parole brutte, minacce … si, me la prendo anche con te, con la tua casa su questa terra e la gente che dice che ti rappresenta … non ti piace, sono sicuro e mi dispiace ma lo devo scrivere … non con l`intenzione di rovinare la presenza della tua casa su questa terra, non per cambiarla, non me ne frega niente della tua casa … quando ho bisogno, parlo con mia Nonna, a volte bisbigliando, a volte solo pensando … lo so che te lo dice, che a lei ascolti, lo so che mi sentite … qualcuno ascolta … deve essere cosi … Già che ti scrivo, vuol dire che credo, che chi sa perché, ti chiami Dio … Scusa … in anticipo … scusa per il modo mio … Scusa che ti nomino, che ti dico “Addio …”  Scusa che non vengo in Chiesa, che non lo dico a qualche prete, che lo dico a mia nonna, sperando che te lo dica, sapendo che se lo dico a te, ti giri, non mi senti, non mi ascolti … lo pubblico qui, in Rete, Online … Se ci sei sempre, già mi hai sentito mentre lo scrivevo, vedevi anche questa volta le lacrime scendendo, togliendomi la vista di ciò che scrivo per un secondo, aspetto, respiro profondo … continuo … sicuramente come al solito, come sempre, neanche guardi … forse c`è qualche prete online qui in rete che lo legge, che mi sente … che te lo comunica, che te lo manda, forse per email, forse con una preghiera … Forse mi risponde qui, mi manda un consiglio, delle preghiere, mi manda un Vaffanculo, poi si vede … Se vado in Chiesa cosa mi risponderà un prete? … Trentamila preghiere e impara la Bibbia a memoria? … Scusa … già inizio … Mi dispiace per ciò che ho scritto, per ciò che scrivo … a chi non piace, a chi è delicato, per favore, che non lo legge … Scusate tutti per averlo pubblicato … Solo un avviso, una cosa mia scritta a Dio …

Vincenzo Dei Leoni

Farfalla annegata

Seduto sugli scogli, ascoltando il mare … Scrivendo da solo, con una penna è un pezzo di carta … pensieri sulla vita, sulla strada fatta, per arrivare dove, arrivare qui … arrivare? Che arrivo … Forse meglio arrendersi, arrendersi proprio qui … adesso, con il mare di fronte, il mare che mi chiama … un po’ di vento, le onde … l`acqua e nera, è profonda … il mare stava calmo quando sono arrivato, come uno specchio, un specchio ed io mi siedo di fronte … forse i miei pensieri l`hanno acchitato, forse ciò che scrivo, non li piace … sempre più forte battano le onde contro i scogli, alzo la testa per guardare, sto troppo vicino, si bagna il foglio, ma io non mi sposto, per adesso resto … un po’ di pausa, ne ho bisogno … levo il foglio e accendo una sigaretta, guardo il mare e ascolto … passa una farfalla e mi prende quasi in pieno, vola un po’ ubriaca, forse per colpa del vento … la seguo con il sguardo, non vola più su la scogliera … sopra il mare vola questa farfalla, forse ubriaca, forse rapinata dal vento … forse combatte, per la sopravvivenza … sembra che ha paura, difficoltà di stare in alto, di non toccare il mare … ma si avvicina, anche troppo, sale in alto … e scende di nuovo … si salva … vola e combatte contro il vento, si avvicina à la scogliera, altri cinque metri, dai che non manca tanto, vola più alto, lontana dal mare … la guardo, la tifo … sta appena su la superficie, e tocca il mare, un onda la colpita, ma ancora la vedo … adesso cosa faccio, chiaro, mi butto … mi tolgo la maglietta, le scarpe e esco il cellulare dalla tasca, ci penso? No! Ho rischiato la vita per molto meno … lei stava lottando, voleva volare, voleva vivere, non sapeva nuotare, se fosse un bambino, una persona, un cane, cosa cambia … io rischio … so nuotare, dal mare non mi prendo paura, non so volare … forse se un giorno ho bisogno, se mi porta via il vento … forse la farfalla si ricorda, forse passa, mi da un consiglio … guardo bene, la vedo, ok, mi butto … il mare è ghiacciato, almeno mi sembra … il mare che mi tira, che mi chiama, io non ascolto, cerco la farfalla … le onde che mi spingono, il mare che cerca a togliermi la vista, ma l`ho trovata, sei  salva … la prendo in mano, anche che è vietato, toccare una farfalla, in questo caso, scusa, lo devo fare … hmm, e adesso che faccio? … non ci avevo pensato … una mano in alto, non vorrei che si bagni di nuovo, non la voglio perdere, non annegare … anche se per un secondo mi viene il pensiero, se mi allontano, già che sto in mare, già che mi tira, già che mi chiama … ma adesso ho in mano la farfalla, devo tornare … devo nuotare con le onde, con il rischio che batto su gli scogli … e infatti batto, ma le ferite guariranno, solo graffi … vorrei chiederla perche è passata, ha toccato il mare … ma non voglio sentire la risposta … l`ho appoggiata su un fiore … sperando che si asciuga, sperando che vola … cosi forse un giorno passa, e mi spiega come si vola …

Vincenzo Dei Leoni

Scusa che non ti scrivo

Non riesco a scriverti, neanche `Ciao Mamma, sto bene!`… non posso, sarebbe bugia, lo sai, non ti rispondo … se non ti rispondo, penserai che sto in giro, mi diverto … no, sto a casa … scrivo, non faccio niente … scrivo è non dico niente a nessuno, scrivo un casino di cose, un paio gli pubblico su internet, per vedere che dice la gente, se vale la pena scrivere, se qualcuno lo legge … mi rispondono in tanti, mi emoziona forse un po’ troppo, a scrivere solo grazie, sarebbe troppo poco … certa gente mi scrive cose che appena inizio a leggere, mi toccano il cuore, mi fanno scendere le lacrime, lo sai, piangere non voglio … per ciò non rispondo, sentiranno il dolore … per ciò non ti rispondo … non ci riesco, lo sentirai anche tu … di spezzarti il cuore uni volta che mi senti … non voglio … se penso al ultima chiamata che ti ho fatto, scusa mamma … scusami tanto … non volevo chiamare te … questo telefono di merda … scusa che sentivi soltanto un casino di voci al telefono … non avevo realizzato che il telefono ti stava chiamando … cercavo il numero del avvocato purtroppo il touchscreen fa schifo … Scusa che quando ho realizzato che al telefono sta parlando qualcuno e ho visto sull’ schermo `Mamma`, scusa che ti ho detto soltanto “Ciao ehh no, tutto apposto, perquisizione, di nuovo, dopo ti chiamo …!” … Scusa che ti ho chiuso il telefono in faccia … era troppo presto, sono entrati è anno fatto un casino, tutti a gridare, a spingermi, a chiamare, dove guardavo guardavo, gente in divisa … Scusate, anche questa volta niente documenti, niente mandato, niente carte … Che carte? se vuoi chiama il avvocato … OK! … è chi mi risponde … la mamma … Scusate comandante, ho sbagliato numero … DAI DAI DAI … Si sbrigha! … Ooooouuuu ma che vuoi, che avevamo un appuntamento? È che cazzo, quartodici persone è a nessuno li viene di portare un caffè? Io una caffettiera cosi grande per farvi tutti un caffè non ce lo … se volete un paio di canne … intanto mi smontano casa, che cambia … DAI! Si mette al muro, ti dobbiamo controllare! … Sto soltanto in shorts, quasi nudo, cosa vuoi vedere? Ma va bene, dai … Oh, ma Signor Dei Leoni, che fa palestra? … No! Mi scopo tua moglie … Volevo rispondere, ma con tanta gentilezza, lo guardo, non dico niente … Un altro che trova le spade samurai è mi chiede `Ma sei KillBill?` … KillBill era una Donna … Tu porti la pistola, chi sei Rambo? … Un altro che mi chiede se può usare la sedia di pelle bianca per guardare sopra il mobile `Scusa posso?`… NO! Cazzo se sei basso e vuoi guardare in alto, portati una scala o portati la sedia da casa … è di nuovo con tanta gentilezza, vada pure, intanto devo pulire … quante persone, quanto casino, ma ok, ho pulito, sistemato tutto, gli aspetto, di nuovo … uni notte li sento, bussare è gridare … l`appuntamento, la data, il processo … altri sei mesi … sei mesi di merda … in attesa di niente, di niente di bello … Scusa mamma … cosa vuoi che ti scrivo? Non ti posso scrivere questo … Che vi amo lo sapete … Che vi penso stai sicura, non riesco a scriverti … scusa … non voglio che leggi i miei sentimenti, non voglio che ti immagini come mi scende una lacrima, no, tuo figlio e forte, non ti preoccupare, andrà tutto bene … Sto in giro, mi diverto … Tutto ok … Tutto ok … tutto ok …

Vincenzo Dei Leoni

pensieri della notte

Scrivo, scrivo, non resisto … pensieri di merda, un casino nella testa, non dormo, penso a tutto … domani accompagno mio Padre al aeroporto a Bari, torna in Germania … io resto … di scelta mia e per caso quel fatto del arresto e che non posso viaggiare, lasciare il posto … che tipo, che storia … io resto, dimoro … che pensieri per la notte … insomma, penso a tutto, anche a la morte, che mi chiama, che mi aspetta … penso al scrivere, scrivo troppo … mi incazzo perche non trovo sempre la parola che cerco, la lingua italiana, scritta non la conosco, mai imparato, solo sentito, troppo casino con queste virgolette sopra le lettere, a chi li mancano, che li mette … purtroppo parlo e scrivo meglio in tedesco, sono cresciuto la, anche che mi chiamavano straniero … cosi mi chiamano pure qua, non fa niente, abituato, per me indifferente … anzi, mi regala un ricordo … uni volta che lo sento, penso a miei amici, fratelli con qui giocati in strada, cresciuti, in un posto, su una terra non nostra, sempre ospiti, padroni di nascosti … rispetto, amicizia e tolleranza, questo sento al posto del straniero, quindi Grazie, grazie di cuore … preferisco un straniero come amico al posto del italiano falso … scusate ma mi spavento … vedere certa gente chiamandoti amico, fratello e poi .. ok, va bene, a parte quello … non lo so, l`Italia era sempre un bel sogno, l`amore e la vita, Famiglia e tradizioni … ma qui a chi scopa la moglie di quello e a chi frega l`altro … gli uomini a caccia di record, uni notte un’altra, e le donne che ci stanno … certo, non sono tutti cosi, ma un po’ del lucido del immagine del italiano, si ha graffiato … non e più com’ era una volta … forse mi devo svegliare, l`amore con una donna per sempre … svegliato … sparito quel sogno … che brutto modo di svegliarsi … già vedevo i nostri figli quando la guardavo … ancora adesso la penso, la mia ex … anche lei era molta delicata a svegliarmi … ti lascio, mi devo cercare … che cazzo vuoi dire? Non sapevo che ti sei persa, portati una mappa, il vaffanculo lo trovi di la … hmm, forse sarebbe stata la risposta migliore al posto di chiedere spiegazione o di cercare delle parole che in qualche maniera si avvicinavano al amore che sentivo per lei … svegliato … sto solo … accendo il computer è scrivo cazzate … ma poi, perche penso ancora a lei? Perche penso a tutte le altre donne che stavano prima??? Con tutto quel casino che ce, ce di altro a che pensare … forse li penso perche il posto che mi aspetta, insomma … niente donne … troppe palle … come una gita di scuola soltanto che manca la cosa più bella … una donna … hmmm … vi penso … una carta e una matita la trovo, vi descrivo … il sentimento che si sente a prima vista, la prima volta che si avvicina … forse solo per salutarti, come scusa … sta cosi vicina che senti l`odore della pelle, la vuoi toccare … sentire se è veramente cosi tenera come sembra, scoprire di si, che è vero, è dolce … il momento che ti guarda, che chiude gli occhi, che ti bacia, quando si ferma il tuo cuore … la prendi in braccio, la stringi forte con tenerezza, senti il calore che ti manda, l`amore … baciandola al collo bisbigliando … “Ti voglio!” …
Vincenzo Dei Leoni

la mia arma

Scrivere senza saper come fare … vivere come fosse sempre armato … una spada che ferisce senza sapere, senza accorgersene, soltanto passando, strisciando, sfiorando … Scrivere è come sognare … Scrivere è come giurare … Ho giurato a me stesso, un’arma in mano, non la prenderò più, di fare male à qualcuno, non lo faro mai più … la mia arma, la mia spada, la mia mente, le mie parole … Vorrei scrivere, tanto, troppo … scrivere in nero su un foglio … su un foglio bianco … si può riempire con delle belle parole, con dolci pensieri su le donne … si possono scrivere i nomi dei fiori, costellazioni di stelle, descrivere il colore del cielo, il sole che scende, che si perde nel mare … scrivere parole, anche se si parla di colore, è nera la parola … il bianco sparisce … il nero lo copre … parole su parole … ne ho scritte troppe … dolore, scrivo anche questo … di sopportarlo, va bene, se devo, resisto … ma che lo porto … no … l`ho giurato a me stesso … zitto, devo stare muto, fermo, senza parlare, senza scrivere, senza sognare … per non portare dolore, devo smettere di respirare … ma neanche questo posso fare, non posso lasciare senza spiegare … se vai cosi da oggi a domani, porti dolore a chi ami … a chi ti ama … ma anche spiegare, parlare non va … quindi lascio stare … ho giurato a me stesso, una arma in mano, non la prenderò più … di fare male a qualcuno non lo farro più … scrivo, scrivo e scrivo, il resto lo lascio stare … il foglio diventa nero, parole su parole fin che non si copre tutto di nero, sparisce il bianco … se potrei scrivere, anche su i muri lo farei, su le case, su le nuvole, oscurare il cielo di parole, pensieri liberi scelti per caso, sognati, creati, frasi mischiati di tutte le lingue per far diventare nero l`intero mondo per poi chiedere il sole di mettere fuoco, di buttarci delle stelle per cancellare tutto, pulire … con il fuoco le parole brutte sul foglio bianco spariscono, il problema che diventa sempre nero … dovrei chiedere a qualcuno come fare, come sopportare questo casino di parole nella mente, questa matita che scrive in nero … se pure le parole scritte portano dolore, preferisco scriverlo, non dirlo, scrivo senza che nessuno ascolta, vivo … anche con il rischio di ferire qualcuno, anche soltanto passando, sfiorando … mi dispiace, non era l`intenzione  … camino con la spada, scrivo parole … non resisto … vivere senza un arma non posso, preferisco scrivere, vivere, sognare … che senso ha … discussione senza fine … infinito … le parole … tutte nere … inizio a credere che fosse un colore … ho giurato a me stesso e mi sono chiesto … se è nero, cancellato … per chi ho giurato? … è valido ò non ha senso?
Vincenzo Dei Leoni

Buch Number One

Ok, es ist soweit … Bald kommt es, 

mein Buch Number One. 

Ein Roman, eine Biografie, 

nennt es Schrott!

Alle freuen sich, 

als ob es was schönes wäre, 

als ob es ein Märchen wäre, 

oder tatsächlich ein Roman. 

Mit Liebe und so … 

Als ob Liebe schön wäre … 

Schrott, Stop.

Buch Number One. 

Ein kleiner Ausschnitt, 

ein Haufen Scheisse

und die Sicht, 

aus meinen Augen. 

Meine Emotionen,

mein Leben, 

mein Alles … 

Es ist nicht schön, 

bitte lest es leise …

Ich entschuldige mich bei jedem, 

der sich irgendwie angesprochen fühlt … 

Geschichten sind frei erfunden, Autor … Na dann … 

Ich habe eine poetische Lizenz in meinem Heimatland 

und hier in Deutschland jetzt

einen Vertrag bei einem super Verlag. 

Jetzt werden Texte sortiert, lektoriert 

und weiss Gott wie oft gelesen. 

Wie ich mich dabei fühle ist schwierig zu beschreiben. 

Als ob es schön wäre mein Leben zu lesen … 

An all die Sachen wieder zu denken die ich doch eigentlich zu löschen versuche. 

Als ob es schön wäre dass selbst meine Eltern es lesen … 

Sorry, aber ist mir egal, 

jetzt bin ich offiziell Autor und

schreibe was ich will. 

Vor der Veröffentlichung, 

 bin ich wahrscheinlich sowieso schon, 

sagen wir fort … 

Hiermit, entschuldigt die Ausdrucksweise, fick ich alle … 

Sehr viele Menschen, von Dealern bis hin zu Richtern, werden sich angepisst fühlen. Diverse Staaten werden sich wohl angepisst fühlen. Vor allem die Jungs, die anscheinend alles tun, um alles zu verhindern. 

Aber wie oft drückt ihr alle zwei Augen zu, 

oder zieht euch ne Line hoch … 

Das weiss auch nur Gott. 

Selbst bei ihm, 

hab ich mich entschuldigt, 

ok nicht direkt, 

ich schrieb einen Brief an meine Oma, die mit achtundneunzig verstarb. 

Ich entschuldigte mich bei ihr für das was ich schreibe, nur sie weiss warum. 

Für mich sitzt sie direkt neben ihm, neben Gott. 

Sie glaubte an ihn, also ist sie für mich dort. 

Bei ihr entschuldige ich mich 

aber ihm kann sie mit einem lächeln ausrichten, Sorry, but Fuck you! 

Er weiss warum … 

Jetzt gibt es niemanden mehr, 

den ich um Entschuldigung bitten muss. 

Es gibt niemanden,

vor dem ich Angst habe. 

Während ich schweigend schreibe, 

sage ich euch alles. 

Zu verlieren, habe ich gar nichts.

Vielleicht noch ein Sorry an all die Ladys … 

Einige stellen sind nicht besonders nett, würde ich nie aussprechen, aber hier schreibe ich, sorry, but fuck off …

Ich bin frei, ich bin Autor 

und wie heißt es so schön,

Beruht auf einer wahren Begebenheit, 

Personen, Orte und blablabla sind frei erfunden. 

Na dann viel Spass beim kopf zerbrechen … 

Ist das wirklich wahr … 

Meint der Penner mich etwa … 

Sempre Negare

Immer abstreiten 

Ich sage kein Wort

Ich bin Autor

Ich schreibe 

That’s all … 
Vincenzo Dei Leoni 

Träume töten

Einfach anfangenWie beim schreiben

Einfach mischen

Einfach rollen

Wie beim schreiben

Ohne Worte

Ohne Sätze

Einfach Rollen

Warum ich rauche?

Um nichts zu wiederholen

Hauptsächlich dass

Was ich Nachts träume 

Warum ich rauche?

Um alles zu löschen

Alles zu zerstören

Was mich Nachts

Doch nur wieder einholt 

Darum rauch ich

Um mich zu beruhigen

Um all die Scheisse

Einfach nur zu ertragen

Nicht daran zu denken

Und ja vielleicht

Irgendwann alles vergessen

Doch manchmal vergesse ich nur

Etwas zu rauchen

Nur manchmal

Wenn ich sehr müde bin

Leg ich mich hin

Schlafe ein

Ohne zu denken

Bereue es doch schnell

Wenn ein Traum beginnt

Denn irgendwann 

wird jeder Traum

Ein schreckliches Ende nehmen

Irgendwann 

ist jede Erinnerung

Mit Schmerz verbunden

Irgendwann 

sind träume

Einfach furchtbar

Um nichts zu sehen

Wenn ich meine Augen schliesse

Darum rauch ich

Meine Medizin

Rauchen

Verhindert meine Träume

Und vernebelt meine Sicht

Weil ich nicht sehen will

Was um mich herum geschieht

Weil ich mein Ende

Nicht auch noch kommen sehen will

Mein Ende

Nicht auch noch träumen will

Darum verbrenne ich auch

Ständig mein Buch … 
Vincenzo Dei Leoni 

Was Rap

Du hörst den Beat?Ich nicht … 

Du hörst Melodien

Wo keine sind 

Was schiebst du für nen Film?

Schizophren?

Teile?

Zu viel Weed?

Du hörst den Beat?

Das ist mein Herz

Das in Texten schlägt

Blut

Das aus meinem Füller fließt

Hier ist es Dunkel

Kalt

Die einzige Flamme

Kommt überraschend

Du siehst grelle Farben

Nur dann

Wenn du dich umdrehst

Und eine Neun Millimeter

Dir mitten ins Gesicht schießt

Was für Rap?

Das ist Krieg …

Weil ich einen nach dem anderen

erwisch

Weil ich still und leise

Durch’s ganze Land zieh

Verbrenne

Was ich damals übrig ließ

Was für Rappen

Das sind Texte die aus Blut sind

Melodien

Bässe

Nur wenn sie aus einer Waffe sind

Pumpguns

MG’s

Ihr wisst doch gar nicht

Mit was die großen Jungs spielen

Was wir 

unter einem guten Deal verstehen

Geschweige denn wieviel 

von unserem Geld überall liegt

Stoff

Mit dem sich niemand anzieht

Was für G’s

Du ziehst ne Line und springst vom zehnten Stock

weil du glaubst

Du fliegst … 

Ich seh dich vorbei fliegen

Aus meiner Suite

Während ich

Vom Traumbody 

einer Lieferantin frisch importiertes Koks zieh

Mir anschließend 

nen Blunt dreh

danach

Mit deiner Mutter einen Film dreh

Was für Rap?

Einfach nur Primitiv

Wie russisch Roulette

Mit einer Vollautomatik

Klick

Boom

Next

Repeat

Klick

Boom

Next

Again

Klick

Boom

Next

Jetzt ich … 
Vincenzo Dei Leoni

Was für Rap

Nachtschicht

Blunt gedreht

Beat on

Was ist Rap?

Verpiss Dich!

Guck auf den Boden jetzt

Was Rap?

Ganz Ehrlich?

Beretta vor die Fresse

Bitte lächeln

Umdrehen

Bück dich!

Du hörst nicht?

Beretta neben das Ohr

Funktionstest

Trommelfell ist durch

Hörst du den Beat jetzt?

Und ich bin noch so freundlich

Nicht ich fick dich

Mein Kampfhund

Der grinst schon 

Mutterficker was

Ist das Rap lan

Seh ich vielleicht aus

Wie ein verdammter Rapper?

Nur weil ich mit ner Gun

Im Benz fahr

Nachts um Drei

Michele aus der Eisdiele anrufe

Weil die Bitch

Erdbeeren mitgebracht hat

Was für Rapper?

Ich chill mein Leben Mann

Normal

Italian Lifestyle halt

Ficke Chicks

Die in zwei Wochen auf dem FashionDings in Berlin sind

Keine Ahnung

Hab nicht zugehört

Fuck off

Alles man

Ein Fick auf

Jede Staatsgewalt

Cops haben mit meinem Schwanz

Selfies gemacht

Bei Verkehrskontrollen

Überall

Die meisten haben davon ein Poster im Schlafzimmer hängen

Keine ahnung

Hilft wohl beiden beim Sex

Fuck off

Mir doch egal

Ich fick ihre Tochter

Und bestech sie dann mit dem Videomaterial

Cops

Vierzehn Mann 

Und finden nicht mal mein Weed hinterm Schlafzimmerschrank

Ok

Die Waffen halt

Und all den anderen Scheiss

Dreiunddreissiger

Deine Zeit läuft ab

Fuck Off

Ich sag gar nicht’s mann

Mein Anwalt bestätigt euch

Der junge ist Brav

Was für Rapper?

Alles ganz normal

Dreizehner

Jackpot

Rap ist was ganz anderes man

Groupies lutschen

Im Tourbus um die Wette man

Danach bekommt die Bitch eine Schelle

Wie dieser Typ aus Berlin singt

Wie heißt der Kek nochmal

Keine Ahnung lan

Ist doch mit Bin Laden und so verwandt

Hat Ak unterm Kopfkissen und so ein Kram

Dissen heißt doch Respekt

Oder wie das war

Aber was du über Frauen sagst

Sollten dir mal meine Jungs antun

Probs an viele

Die richtig Krass abgehen

Parra schmeißen

Parra machen

Und Ganz viel Geld und Scheine zählen

Grün

Gelb

Lila

Mehr mehr mehr

Und dabei ständig Koks ziehen

Speed

Flex

MSD

Wie ihre von Mama gekochten Frühstücksflocken nehmen

Deutscher Rap ist wie Deutscher Masochismus

Und ihr schreit Yeah

Hafti fickt eure Sprache 

Und ihr schmeißt euer Geld

Azzlack Motherfucker

Du hast das beste Weed?

Komm mal her Ammonakoim

Dein homeboy hat fünf Minuten gezuckt

Und hundert Schellen von mir kassiert

Der Grund?

Zwei züge von meinem Weed

Hauptsache Frankfurter

B O Doppelt Z

Legende

Der Boss

Das

Ist aber kein Rap

Er schreibt mehr

Als nur ein Babba Hit

Was er macht 

Ist Musik

Geht unter die Haut

Lässt dich flennen

Berührt dich tief

Sagt dir aber auch ganz klar

Stress ihn mal lieber nicht

Der fickt dich

Und dein ganzes verficktes Team

Bis hin zu deinem ganzen Viertel

Und wer dir noch so heilig ist

Sonnenbrille auf

Ist kein Lied

Frag mal den King

Wie er das sieht

LMS aber Oldschool

Das ist Rap

B O Doppelt Z

The King

Die Jungs aus Berlin 

die auf deinem Grab 

ein Festival bringen

Mannheim

Ein ganz anderes Kaliber

Musik

Texte

Da gibt es nur einen 

Mannheim

Deine Söhne

Und zwar den einen

Dessen Namen

Darf in Texte nicht einmal vorkommen

Das wäre Betrug

Weil man damit jedem Leser eine Träne stiehlt

Um Tausend Tränen zu bekommen

Nimmt man den Titel eines seiner Songs 

Musik

Kunst

Poesie

Die man besser nicht alleine anhört

Vor allem nicht

Wenn man immer noch liebt

Was für Rapper?

Ich schreib nur Texte

mit meinem eigenen Blut

Musik lebe ich

International

Das ich daran sterbe

Bestimmt nicht

Ich warte auf mein Ende

Täglich

Neun Millimeter

Vermute ich

Nicht seit Gestern

Damit leb ich

Musik

Damit ertrag ich’s

Was für Rapper

Nur ein G

Der wenn er könnte

Vielen Künstlern sagen würde

Danke für dieses Lied
Vincenzo Dei Leoni

Was Politik

AchtungProvokant … 

Entschuldigung

Halt’s Maul 

und so Lan!

Ausdrücke.

Bisschen Krass.

Komisch geschrieben?

Ist mir egal.

Geh halt weiter,

typisch Deutsch,

ist auch das.

Thema Politische Korrektheit.

Ist mir so bums

Wer du Bist.

Woher du kommst.

Was du isst.

Wie du sprichst …

Was du sagst,

was du fühlst.

Was du willst

Und was nicht … 

Nur dein Vorname

oder wie du willst

dass man dich kennt 

oder nennt.

Politische Korrektheit?

Bei dem was abgeht

Ist es schon ein bisschen unfair

Dass man zum Beispiel 

den einen oder anderen Politiker

Nicht mal mehr „Behindert“ 

nennen darf

Politische Korrektheit?

Korrekt,

es geht um Worte 

um Sprache

Nicht um Blut

Oder Rasse

Beruf

Klasse

Eigentlich um verstehen.

Um Akzeptanz 

hauptsächlich

Zusammen leben …

Muss sowas denn 

ein Thema sein 

heut zu tage 

hier zu Lande? 

Mit Internet

und alles 

und allem 

weltweit?

Döner mit Pommes 

Süss Sauer

Überall

Was für Politische Korrektheit?

Es gibt einfach zu viel Ignoranz.

Ich darf schlecht über Deutschland reden,

es ist auch mein Land.

Nur der Unterschied zu mir ist, 

Ich bin Ausländer. 

Also darf ich auch mal zu einem anderen „Dummer Kanacke!“ sagen.

Mittlerweile gibt es ja 

jetzt mehrere Kategorien

Klassen

da man ja jetzt noch die Gruppe ‚Flüchtlinge‘ 

zählt. 

Wir sind nicht mehr die unbeliebtesten 

was?

Warum?

Weil wir Deutsch reden?

Deutsch denken und uns manchmal, Deutsch benehmem?

Zum Glück gehört uns noch die Nacht

da ja Freie Menschen 

die aus Kriegsgebiete flüchten

ab 22:00 

Nachtruhe haben

Eingesperrt

Schlafen!

Ja

Auch das 

ist Deutschland

Deutsch sein … 

Sagt wer?

Ist der nicht schon tot?

Deutschland …

Es ist trotzdem mein Zuhause, genauso wie Italien. 

Dort

bin ich ebenfalls 

Ausländer 

da ich hier aufgewachsen bin

Also 

‚der Deutsche‘

sozusagen

Deutsche Schule und so

Obwohl ich dort geboren bin

Juckt des irgendwen

Alle …

Und trotzdem … 

Dumm …

Deutsches Verhalten generell,

Deutsches Denken,

Deutscher Humor … 

Pünktlichkeit …

Das fehlt mir eigentlich 

so in jedem Land

Ja … 

Deutschland ist halt schon echt Geil.

Deutsche generell.

Cooles Volk.

Manchmal zu Cool.

Wie jeder halt.

Einige Sachen, naja,

sagen wir, 

sind in anderen Ländern auch nicht schön. 

Könnte man auch mal abschaffen … 

Ist auch gemütlicher gell … 

Einfach mal ablenken.

Schau mal!

Ein kleiner blauer Elefant 

im Fernsehen.

Scheiß drauf!

Meine Meinung zum Thema Politik?

Ist doch mir bums.

Sagen doch alle hier oder nicht?

Ist das nicht Integrationspolitik, sprich 

wiederholen wie man hier so spricht?

Nein, 

Nein.

Es gibt derart Kunstvoll kreierte Sätze von Menschen die von so weit weg stammen, die versteht ihr nicht auch wenn sie jetzt auf Deutsch sind. 

Zuhören, Lesen. Nicht Fehler suchen, korrigieren. Es muss nicht ALLES PERFEKT sein. 

Politisch korrekt?

Wenige.

Viele nicht.

Deutsche nicht. 

Italiener auch nicht

Türken, Albaner, Russen, Inder, Iraker, Afghanen, Polskas und weiß wer noch auch nicht.

Das sind nur ein paar der Länder, wo meine Jungs und Bro’s herkommen. 

Aber wir waren halt alle zusammen, sagen wir, hinten im Bus. Da lernt man sich kennen und vor allem, Verstehen. Es gibt andere Gemeinsamkeiten, außer Sterben

und der Farbe unseren Blutes.

Ist doch uns egal ob du Deutscher bist. Einfach nur Höfliches, Respektvolles Miteinander. 

Respekt.

Was für Politik?

Als ob es irgendjemand hier juckt

Wie du sprichst

Mach dich verständlich

Von mir aus 

wie der Italiener

Sprich mit deinen Händen

Heb den Mittelfinger

Wenn du kein Deutsch sprichst

Und irgend einer

mit dir schimpft …

Sagt man doch.

‚Nicht denken, tun … 

Tun, auch so ein Wort … 

Deutsche Grammatik!

Ach komm … 

Geh weiter,

Wann darf man ‚Fick dich!“ sagen???

Nach dem Wort ‚Höflich‘

kommt irgendwann ‚Mensch‘ …

Provokation?

Oh nein, nur ein Text, eine Erklärung, ein Versuch. 

Deine Meinung,

Ist mir Wayne 

Oder doch Wurst?

Sorry

Das ich einfach mal kurz

eure Sprache 

hier herbums 

Eure Worte 

zerlege

Und sie euch 

um die Ohren haue 

Ich liebe die Deutsche Sprache …

Spiele mit ihr 

sehr gerne …

Aber Sorry nochmal

International 

für „Entschuldigung“

Falls sich irgendwer

Verletzt fühlt … 

Siehe da

Eine weitere Gemeinsamkeit

Außer rotes Blut … 

Gefühle

Was??? 

Nein Nein

Distanz

Gleichgültigkeit

Anonyme Nachbarschaft

Ghetto’s

Als Wohnsiedlung getarnt

Und ja … 

Aus dem Teil Deutschlands

Wo ich herkomme

Trainieren Nazis im Wald …

Und wir Kanacks 

Ficken ihre Frauen 

in dieser Zeit … 

Politische Korrektheit

Integration … 

Integriert doch mal „Ficken“

als offizielles Wort … 

Dann reden wir nochmal

Über Politisch 

Korrekt … 

Nur ein Text … 

Oder sagt man jetzt

Schmähgedicht?

Nein … 

Das wäre etwas härter … 

Oder nicht?
Vincenzo Dei Leoni

Das darf er nicht

Einfach nur eine kleine Story. Was passieren kann, wenn man die falsche Lady anlangt … 

Der achtzehnte Geburtstag meiner kleinen Cousine, nennen wir sie mal Maria. Hat eine Überraschungsparty bekommen und Überraschung, ich, der große Cousin aus Süditalien, taucht auch nachts um Ein Uhr auf. 

Erst mal ein stück Kuchen, ein zwei Wodka hinterher und danach ein bißchen mit meiner kleinen Cousine reden. Fragen, wie es ihr denn so geht. Alles ok. Gut. Also frage ich sie, wo denn eigentlich Giulia ist. Giulia ist ebenfalls unsere Cousine und genau so alt wie Maria. Eigentlich, waren die zwei ständig zusammen. Und jetzt geht’s los … 

Sie hat einen neuen Freund, Türke. Er verbietet ihr den Kontakt zu ihren Verwandten. Sie ist entweder bei ihm oder zuhause. Bei jeder Kleinigkeit, rastet er aus, schlägt sie Grün und Blau. Ich frag nur, „Wie heißt der Typ?“ 

Nennen wir ihn hier einfach mal Serkhan. Seinen Nachnamen, tipp ich nebenbei auf mein Handy. 

„Woher?“, frag ich noch. 

Und zack weiß ich wo der Penner ungefähr wohnt. Weiß die Stadt und dass er Gegenüber einer Eisdiele wohnt. Meine kleine Cousine Maria, erzählt immer noch, was er für ein Riesen Arschloch ist. Spritzt sich Anabol und so nen Scheiß. 

Als Maria die Beiden mal besucht hatte, ist Giulia die Fernbedingung auf den Boden gefallen. Er packte Giulia, zerrte sie in ein Zimmer und schloss die Türe. Prügelte erst auf sie kurz ein, kam aus dem Zimmer, packte Maria und warf sie aus der Wohnung. Giulia liebt ihn und will ihn nicht verlassen. 

„Ok, genug! Sorry Maria, ich muss los!“

Alle gleich „Nein! Der ruft die Bullen! Der zeigt dich an!“ 

Das bezweifle ich ganz stark … 

Will ja nur mal mit ihm reden. 

Und die sagen mir, das er seine Wohnung im Haus der Eltern hat. 

Meine erster Gedanke, gut, Einfamilienhaus, schränkt die Suche schon mal ein. 

„Der Vater ist so ein Typ mit zwanzig Anwälte! Du kannst da nicht Nachts um zwei klingeln!“.

Ich fick ihn, seine Söhne, seine Frau und seine zwanzig Anwälte! 

Ich steh auf und verabschiede mich höflich, fahr los. 

Eine Stunde später, fahr ich quer durch seine Ortschaft. 

Yes, da ist die Eisdiele und Gegenüber, mehrere Einfamilien-, Mehrfamilien- und Reihenhäuser, super. 

Ich parke in einer Seitenstrasse, steige aus und zünde mir erst mal eine Zigarette an, lauf halt mal los. Schau nochmal auf mein Handy, wie der Vixxer noch mal heißt? 

Erstes Haus, Nein. Zweites, Auch nicht. Das dritte, Mehrfamilienhaus, ich schau halt mal auf die Klingel. 

Volltreffer! Drei verschiedene Vornamen aber alles die gleiche Familie, da steht doch dem Vixxer sein Name, und ich läute. 

Warte zehn Sekunden, nochmal, etwas länger. 

Nichts. 

Nochmal, nichts. 

Gut, nächster Stock, seine Eltern. 

Es geht das Licht im Treppenhaus an und zack, geht die Türe vor mir auf. Gut, bin schonmal im Treppenhaus. 

Mich begrüsst eine Frau Mitte Vierzig im Morgenmantel, fragt was ich wolle. 

„Ihren Sohn sprechen!“

„Es ist halb drei“, sagt sie nur. 

Ich frage nach ihrem Mann, da es respektlos von mir wäre, mit seiner Frau zu diskutieren. 

Zwei Sekunden später steht ein circa zwei Meter, schlecht gelaunter Türkischer Mann im ersten Stock und brüllt, was ich wolle. 

„Komm kurz runter, ich erkläre es dir!“ 

Er kommt und ich weiß schon exakt, wie ich ihn wo dagegen klatsche. Aber ich will ja erstmal reden. Hätte aber auch kein Problem anders zu reagieren, da die mich ja nicht kennen und kaum einer weiß, das ich überhaupt in Deutschland bin. Er bleibt vor mir stehen und meint, „Verlassen sie mein Haus, kommen Sie morgen früh wieder!“

Ich fang mal an, sage ihm, dass es um seinen Sohn geht, um dessen Freundin genauer gesagt. Ich frage ihn, ob er Giulia kennt. 

Er nickt und sagt, „Ja, ein braves Mädchen, sie ist oft bei uns.“ 

Seine Ehefrau, die sich inzwischen auf die Treppe gesetzt hat und uns zuhört, nickt und bestätigt, „Ja, brave Mädchen.“

„Ja, braves Mädchen“, sage ich und fahre fort. 

„Ihr Sohn schlägt sie!“

Ergänze ich sofort. 

„Das darf er nicht!“

direkt danach. 

„Das glaube ich Ihnen nicht, wer sind Sie?“ 

„Ich bin ihr großer Cousin, Giulia, ist meine kleine Cousine. Ich lebe nicht in Deutschland. Ich bin ihretwegen aus Italien gekommen um erstmal mit Ihnen und Ihrem Sohn zu reden.“ 

Die Eltern schütteln den Kopf. Sind schockiert.

„Sind sie sicher?“

Fragt er mich. 

„Meinen sie ich fahre zweitausend Kilometer einfach so?“ 

Frage ich ihn. 

„Hören Sie“, sage ich. 

„Es geht nicht um ihren Sohn für mich, es geht um meine kleine Cousine. Es würde mich sehr freuen, morgen zu erfahren, dass er sich bei ihr Entschuldigt hat, da sich die beiden ja anscheinend lieben. Er soll es nicht mit einer Rose tun, fahren Sie mit ihrem Sohn zum Juwelier, eine schöne Kette, die passenden Ohrringe, keinen Ring!

Erklären Sie ihm davor noch, dass dies seine letzte Chance ist, sich als Mann zu verhalten und erklären Sie es ihm so, dass ich nicht noch einmal hier her fahren muss.“ 

Wir reden noch weitere zehn Minuten in denen mir die Eltern versichern, mit ihm zu reden und entschuldigen sich tausendfach dafür, mir solche Umstände gemacht zu haben. 

Sie wissen ja nicht, dass ich schon seit drei Wochen hier bin, eigentlich gerade wieder zurück nach Deutschland ziehe und von dem ganzen, bis vor einer Stunde, nichts wusste. 

Ich glaube nicht, dass seine Eltern so begeistert waren, dass Nachts um halb drei ein Italiener am Elternhaus klingelt und mal kurz und freundlich sagt, was Sache ist. Auch noch einen Vorschlag macht, um alles wieder in Ordnung zu bringen. Ich glaube, er bekommt erstmal von seinem Vater, so richtig auf’s Maul. Seine Mutter, wird ihm auch noch zwei, drei verpassen wollen. Er, wird wohl lernen, dass wenn man eine Frau schlägt, man sich nie sicher sein kann, was und wer eigentlich dahinter steht. Welcher Familie sie angehört, oder auch nur befreundet ist. Egal, ob sie jetzt Giulia oder Jennifer heißt. Bevor man eine Frau schlägt, sollte man sich fragen, was danach den alles einem selber passieren könnte … Ist ja nicht immer gesagt, dass dir ein höflicher Italiener nachts um halb drei erklärt, „Das darfst du nicht! Mach das lieber nicht noch einmal …“  

Am Haus deiner Familie klingelt … Alleine … 

Ich glaube, die werden sich jetzt einige seltsame, nicht schöne Gedanken machen. Klischees anzweifeln. Er wird sie auf Händen tragen und seine Eltern, wenn sie auch schon vorher zu ihr höflich waren, werden jetzt, noch höflicher sein. 

Ich hoffe tief in mir, sie trägt morgen keinen Schmuck … 

Ich muss nicht in Deutschland bleiben, ich kann morgen schon los … Italiener, 100% … Immer höflich bleiben, bin ich aber nicht so der Typ … Sein Glück, dass er anscheinend nicht zuhause war. Vielleicht hätte ich ja dann, einfach nur abgedrückt, ohne Buona Sera und erklären … 

Buona Notte, per sempre … 

Kein Arrivederci. 
Vincenzo Dei Leoni 

Das Wort Negare

Als Erklärung auf DeutschNegare

Übersetzung ganz leicht

Negare

Ablehnen

Wie einen Antrag

Stempel drauf

Nein sagen

Abgelehnt

Weiter geht’s

Negare

Nicht unbedingt

Kann auch eine andere Bedeutung haben

Abstreiten

Nicht die Wahrheit sagen … 

Negare

Kann sein

Es ist eine lüge 

Kann sein

Es ist die Wahrheit

Nur das sagt man keinem

Kann sein

Das Wort steht für Menschen

die einfach nur abgelehnt werden

Egal wo sie ankommen

Als Fremde gelten

Negare

Nicht akzeptieren

Nicht akzeptiert

Vielleicht auch das

Negare

Ausländer

Flüchtling

Touristen

und Gäste

Jeder der Fremd 

und nicht willkommen ist

kennt das Gefühl

Negare

Wenn’s dir ins Gesicht schlägt

Dir in einem Augenblick

All deine Würde nimmt

Dir ins Gesicht spuckt 

und sagt

Du nicht!

Negare

Abgelehnt

Und jetzt kommt ihr … 

Fragt mich persönlich sobald ich Deutsch rede

Bist du Deutscher?

Drei sekunden vorher

Sprechen du Deutsch?

Ich zerreiße dein Lexikon und schreib es dir Neu!

Negare

Ich sag einfach mal

What?

Und teste mal seinen kulturellen Hintergrund

Negare

Könnte auch eine alternative für

FTP stehen

Wobei FTP in diesem Falle

Liebe machen mit Beamten

bedeuten würde

Lass ich mal so stehen 

Negare

Einfach nichts zugeben

Negare

Als ob ich zum Beispiel Schreibfehler mache 

Auf Grammatik

Komma oder Punktsetzung

Scheisse

Quatsch

Negare

Vielleicht ist es Absicht

Vielleicht

Kann ich es einfach nicht

Akzeptieren

Toleranz

Das

Ist Negare nicht

Ich scheiss drauf

Negare

Vielleicht auch das

Warum ich das schreibe

Nur aus Spass 

Negare

Übersetzung ganz leicht

Übersetzt doch mal Geborgenheit

So, das man es in einer anderen Sprache begreift … 

Oder zeigt es einfach mal einem Menschen 

Wie sich Das

wohl anfühlt 

Wenn es sich als Gefühl um deinen ganzen Körper legt

Dich komplett umarmt

Sich jedes Haar aufstellt 

Trotz der wärme die man gerade fühlt

Bei Freunden

Zuhause

Einfach angekommen

Den Tränen genau so nah wie bei

Negare

Abgelehnt

Hau ab!

Dunkel

Kalt … 
Vincenzo Dei Leoni 

IMG_2843

Ertrinkender Schmetterling 

Eigentlich nicht.Eigentlich übersetze ich meine Texte nicht. 

Warum dieses Stück?

Weil ich wieder an diesen Schmetterling denke … 

Ich schreibe es so, wie ich es auf Deutsch fühle … 

Auf den Felsen sitzend, höre ich dem Meer zu.

Alleine am Schreiben, ein Blatt Papier, einen Füller … 

Gedanken über mein Leben, meinen weg. 

Um wo anzukommen? Hier? … 

Ankommen? …  

Vielleicht sollte ich gehen. 

Hier, aufgeben … 

Das Meer ist genau vor mir, 

ein bisschen Wind, die Wellen.

Das Wasser Pechschwarz, 

sehr tief hier … 

Das Meer war so ruhig, 

als ich hier ankam … 

Wie ein Spiegel, 

und ich setz mich genau gegenüber … 

Vielleicht sind es ja meine Gedanken, 

die es so stürmisch machen … 

Denn immer stärker, 

schlagen die Wellen gegen die Felsen … 

Einige Tropfen fallen auf mein Papier während dem schreiben, 

die Tinte, verläuft sofort … 

Ich blicke nach vorne und merke, 

dass ich doch sehr nah am Ende der Klippen sitze.

Ich mach eine Pause vom Schreiben und schaue den Wellen zu. 

Nehme mir eine Zigarette, zünde sie an 

und höre einfach hin … 

Lasse meinen Blick frei schweben 

und auf einmal kommst du … 

Ein schöner Schmetterling fliegt fast gegen meinen Kopf.

‘Du fliegst aber betrunken,

oder vielleicht doch wegen dem Winde‘,

denke ich so für mich … 

Folge dem Schmetterling mit meinem Blick. 

Das Ende der Klippen, 

sah dieser nicht. 

Der Schmetterling fliegt jetzt 

ganz dicht über das Meer. 

Vielleicht betrunken, 

Vielleicht hat der Wind sie entführt.

‘Du bist viel zu nah am Wasser, 

flieg wieder zurück! ‘, 

ruf ich ihr zu doch sie hört mich nicht, 

sie kämpft … 

Sie scheint Schwierigkeiten zu haben, 

mit dem Wind. 

Die Wellen, 

ganz dicht an ihr dran. 

Doch dann geschieht es, 

ganz leicht … 

Vielleicht war es nur ein Tropfen, 

und sie fällt … 

Nicht mal fünf Meter, 

direkt vor mir … 

Tiefschwarzes Wasser, 

und sie … 

Es könnte auch ein Kind sein, ein Hund … 

Ich verlier keine Sekunde

und spring … 

Hab keine Angst vorm Meer, 

ich kann ja schwimmen … 

Sie hat ja gekämpft, 

ums Überleben. 

Ich wäre wohl auch gesprungen, 

wäre sie nicht vorbeigeflogen … 

Und das kalte Wasser, 

reißt mich raus aus meinen Gedanken. 

Es zieht mich direkt nach unten, 

bin noch zu nah an den Klippen.

Ich atme tief ein, 

tauch erstmal nach unten. 

Sehe kaum was, alles verschwommen, alles so dunkel. 

Einfach mal grob in eine Richtung, weg von den Felsen.

Ich tauch wieder auf und atme, 

schaue, ob sie noch da ist während mir die Wellen ins Gesicht schlagen. 

So wild, sah es gar nicht aus … 

Und wieder höre ich meine Gedanken … 

Unter mir Schwarz und vor mir die Klippen. 

Ich könnte mich jetzt umdrehen, 

und einfach schwimmen … 

Bis ich müde werde, 

und dann … 

Tauchst du wieder auf, reißt mich aus meinen Gedanken … 

Der Schmetterling, dich hätte ich ja fast vergessen … 

Ich nehme sie ihn die Hand und hebe diese aus dem Wasser. 

Ich weiß sehr wohl das man Schmetterlinge nicht anfassen darf, bitte verzeih mir. 

Während ich mit einem Arm aus dem Wasser zurück Richtung Felsen schwimme, 

fällt mir ein, dass es vielleicht besser wäre bis zu einem Strand zu schwimmen, 

da ich nur eine Hand frei habe, zum rausklettern. 

Doch ich weiß nicht, wie lange der Schmetterling noch durchhält, 

also muss ich da durch jetzt und schwimme weiter Richtung Felsen.

Die Wellen werden wieder höher und ich versuche zu warten, 

muss ja genau planen, wo ich dagegen knalle … 

Irgendwo, wo ich vielleicht gleich halt finde … 

Ich versuche es, 

und bin schneller draußen wie ich dachte … 

Irgendwie blute ich am ganzen Körper aber Schmerzen habe ich keine. 

Sind wohl nur Kratzer, paar kleinere Schrammen. 

Ich öffne ganz langsam meine Handfläche, 

wie sie daliegt, 

ganz nass … 

Ein Schmetterling darf doch nicht schwimmen, 

jetzt kannst du auch das … 

Ich kann nicht fliegen, 

vielleicht gibt sie mir einen Hinweis, 

falls mich mal der Wind entführt … 

Ich legte sie auf die Blüte einer wunderschönen Blume, 

so kann sie in Ruhe trocknen und dann wieder fliegen … 

Und beim Heim gehen stellte sich mir eine Frage … 

Wer hat hier eigentlich wem geholfen … 
Vincenzo Dei Leoni